Questi tesori sono in palio, ma dovrai essere veloce

Questi tesori sono in palio, ma dovrai essere veloce

Il riscaldamento globale sta accelerando la velocità con cui gli oggetti antichi emergono dallo scioglimento dei ghiacci. Per gli archeologi del ghiaccio, è una corsa contro il tempo, altrimenti i fragili tesori periranno altrettanto rapidamente.

Lars Holger Pilø non dimenticherà mai l’estate del 2011. Insieme ad altri archeologi, era in spedizione sulle montagne della Norvegia meridionale. Cercò punte di lancia e mucchi di pietre; prova che le renne venivano cacciate qui secoli fa. Quando Pilø ha camminato davanti al gruppo, ha incontrato un campo di ghiaccio punteggiato di manufatti storici. Guanti, scarpe, slitte rotte e attrezzi vecchi di centinaia di anni. Tutto era in ottime condizioni. “Quasi non riuscivo a crederci”, dice Pilø della sua scoperta quell’estate. “Mi sentivo come un cacciatore di tesori in piedi proprio accanto alla croce sulla mappa del tesoro.”

Il luogo in cui Pilø ha trovato il suo tesoro, Lendbreen, non è stato niente da vedere o trovare per secoli tranne una bianca distesa di ghiaccio e neve. Ma mentre il pianeta si riscalda e il ghiaccio si scioglie nelle montagne norvegesi, la storia umana sta lentamente emergendo. Lendbreen si è rivelato non solo un terreno di caccia storico, ma un tempo era un trafficato passo di montagna. Dal 300 al 1500 d.C. BC agricoltori e coloni sono venuti qui e hanno lasciato tutto alle spalle. Pilø ei suoi colleghi hanno fatto più di 300 scoperte storiche in dieci giorni. È stato uno dei più grandi “scavi” mai realizzati nell’archeologia glaciale. Secondo gli archeologi del ghiaccio, Lendbreen è solo l’inizio. Mentre la terra continua a riscaldarsi e il ghiaccio si scioglie nelle montagne, vengono portati alla luce altri tesori storici.

READ  IL POLO NORD NON È GHIACCIO, LA CONCHIGLIA ARTICA NON SI FORMA. LE CONSEGUENZE SU INVERNO »ILMETEO.it

Emozioni nell’era glaciale

L’archeologia del ghiaccio è una piccola specializzazione all’interno della scienza archeologica. Invece di scavare antichi manufatti, gli archeologi del ghiaccio cercano nelle calotte glaciali in via di scioglimento oggetti che appariranno naturalmente quando il ghiaccio si scioglierà a causa del cambiamento climatico. Pilø è entrato in contatto con lei per la prima volta nel 2007. Ora è un’autorità mondiale e gestisce il programma di archeologia dei ghiacciai nella provincia norvegese di Oppland. Dal 2011, questa organizzazione ha assicurato più di 3.700 reperti archeologici in 67 località diverse. Da armi e tessuti a vestiti e punte di freccia di seimila anni fa.

“Per me, i reperti più belli sono le cose piccole e modeste con una storia speciale”, spiega lo scienziato norvegese.

Questo è l’inizio dell’articolo sull’archeologia glaciale da leggere nel nostro numero a doppio spessore KIJK 6-7. Questa edizione sarà nei negozi dal 1 giugno.

Maggiori informazioni:

Testo: Sander Koenen

Immagine: William Taylor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *