“Reborn” Van de Sanden deve aver pianto quando le è stato permesso di tornare a Orange |  ADESSO

“Reborn” Van de Sanden deve aver pianto quando le è stato permesso di tornare a Orange | ADESSO

Non essendo stata selezionata per il Campionato Europeo, Shanice van de Sanden non si aspettava di tornare presto alle Orange Women. Ma lunedì, la star dell’Europeo 2017 era in allenamento a Zeist con il suo caratteristico sorriso. L’ottimista può mostrare al nuovo allenatore della nazionale Andries Jonker che appartiene all’Orange. “Posso portare qualche extra.”

Sulla strada per allenarsi nel suo club, il Liverpool, Van de Sanden ha chiamato sua madre. Era il 24 agosto, il giorno in cui fu annunciata la prima selezione di Jonker. Van de Sanden si era alzato con i nervi saldi.

“Ho detto, ‘Mamma, ho le farfalle nello stomaco, sono un po’ nervoso’. Andrà davvero bene, tesoro, sei bravo con te stesso e stai andando bene nel tuo club. Immagino che tu lo sia qui.” Con queste parole di sua madre, è entrata nel campo di allenamento.

Ignaro, Van de Sanden ha alzato il telefono dopo l’allenamento. “Ho ricevuto tutti i tipi di messaggi dalle ragazze qui a Oranje. ‘È fantastico rivederti! Posso piangere che sei tornato!’ Poi ho versato una lacrima anch’io”.

Il ritorno di Van de Sanden è stata la scelta più significativa di Jonker nella composizione della sua prima selezione, che conta ben 26 giocatori. L’ala destra 29enne non è stata convocata per gli Europei dall’ex allenatore della nazionale Mark Parsons, anche perché ha giocato poco nel suo club di allora, il VfL Wolfsburg.

Gioca molto nel suo nuovo club, il Liverpool, anche se finora è stato solo in preparazione. Tanto è bastato a Jonker per mandargli un invito per l’amichevole contro la Scozia (venerdì) e la cruciale qualificazione ai Mondiali contro l’Islanda (martedì prossimo).

Van de Sanden richiede tutta l’attenzione

Il ritorno di Van de Sanden in Zeist non è passato inosservato. Con un ampio sorriso sul viso e un pollice in su, ha posato per le telecamere mentre scendeva in campo. Lo ha fatto molto più tardi dei suoi compagni di squadra. Non si è allenata perché sabato aveva giocato una partita di esibizione con il Liverpool e doveva riprendersi. Poi ha ottenuto tutta l’attenzione dalla stampa.

“È bello essere tornata”, ha detto. Ha sottolineato di non essere saltata di gioia quando Parsons è stato esonerato dopo il deludente Campionato Europeo, in cui la squadra olandese ha perso ingloriosamente nei quarti di finale come campione in carica.

Infatti, Van de Sanden ha inviato un messaggio a Parsons augurandogli il meglio per il futuro. “Non ho niente contro di lui. Penso che sia una persona molto simpatica. Tu sei un allenatore e devi deludere i giocatori. Fa parte del suo lavoro”.

Van de Sanden ha anche capito perché non è stata selezionata per il Campionato Europeo. Si è guardata allo specchio dopo la brutta notizia di Parsons. “Ho visto uno Sjaan che aveva fatto meno minuti rispetto agli ultimi anni, quindi sono stato d’accordo con la sua scelta. È stata una grande delusione, ma non dovresti soffermarti troppo a lungo sulla delusione”.

Van de Sanden è stato spettatore al Campionato Europeo in Inghilterra.


Van de Sanden è stato spettatore al Campionato Europeo in Inghilterra.

Van de Sanden è stato spettatore al Campionato Europeo in Inghilterra.

Foto: Scatti professionali

Da tifoso dell’Europeo in Inghilterra

Van de Sanden quindi “semplicemente” si è recato in Inghilterra per assistere a tutte le partite dei Campionati Europei nei Paesi Bassi come tifoso dello stadio. Voleva anche supportare i suoi ex compagni di squadra. Secondo Van de Sanden, questo era uno dei motivi per cui apparteneva ancora alla selezione. In Il Telegrafo ha detto durante l’Europeo che Parsons aveva sottovalutato quanto fosse brava nel gruppo.

READ  LIVE TMW - Milik ha detto sì alla Roma, domani gli esami medici. Uscita di Dzeko-Juve

Quest’ultimo si è rivelato utile durante il brutto campionato europeo. “Ho avuto molti contatti con le ragazze. Quando alcune delle ragazze hanno avuto più difficoltà, hanno inviato un’app o abbiamo chiamato. Ho appena detto al tavolo: ‘Ho notato che anche lì ero completamente in gioco’.

“Quando Daan (Daniëlle van de Donk, ndr) giaceva a terra, ho gridato: ‘Daan vieni, abbiamo bisogno di te!’ La gente sugli spalti mi fissava come un matto, non mi sentivo affatto parte della squadra.

Van de Sanden si sente rinato dopo essersi trasferito al Liverpool.


Van de Sanden si sente rinato dopo essersi trasferito al Liverpool.

Van de Sanden si sente rinato dopo essersi trasferito al Liverpool.

Foto: Getty Images

‘Sono una persona molto felice’

Van de Sanden, nel frattempo, ha completato il suo ritorno al Liverpool, club per cui ha giocato anche dal 2016 al 2017. I suoi ex club, VfL Wolfsburg e Olympique Lyonnais. Con le donne di Orange, non è mai stata in grado di eguagliare il suo livello durante l’oro del Campionato Europeo 2017.

“Mi sento rinato. Sono una persona molto felice in questo momento”, dice Van de Sanden. “La mia velocità d’azione è diminuita negli ultimi anni. Devo ancora fare dei passi, non ci sono ancora. Ma da qualche parte devi iniziare”. Ciò significa che una pietra miliare per Van de Sanden è ancora imminente. Gli mancano ancora cinque partite per raggiungere il limite magico di cento partite internazionali.

Non riceverà quel numero di compleanno da Jonker. “Se eri il migliore cinque anni fa, non serve oggi”, ha detto lunedì. “Non vale solo per Shanice, vale per tutti. Si tratta del qui e ora del massimo sport. Di certo non si è aggiunta al pensiero: prendiamola. Nei prossimi giorni dovrà forzarla posto.”

READ  Polveriera Napoli: insulti di Insignia alla rabbia dell'ADL contro Gattuso

Nonostante il suo status di celebrità, Van de Sanden non si sottrae a questa sfida. “So di poter portare qualcosa in più negli spogliatoi e in campo”, dice con sicurezza. È necessaria una rinascita in campo affinché Van de Sanden si assicuri un posto all’Orange nei prossimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *