Renault Austral: le prime immagini

UNO, DUE, TRE… FORMAGGIO! – E’ ancora completamente ricoperta di pellicole adesive con motivi ottici e alcune strisce giallo fluo, ma ormai non ci sono più dubbi sulla sua identità, perché questa volta non si tratta di una ricostruzione al computer, ma dell’immagine ufficiale. Per distribuire le prime foto del Renault australe, la novità tanto attesa SUV di medie dimensioni du rhombus, è stata la stessa casa parigina, che in una nota pubblicata nelle scorse ore ha annunciato di aver appena concluso le fasi finali del test di convalida della nuova piattaforma e dei motori CMF-CD3, che saranno completamente elettrificati, con unità ibride fluide e complete.

LE PROVE CONTINUANO – Per ilerede del Kadjar, atteso in concessione entro fine anno con un prezzo di lancio di circa 28.500 euro, sta entrando in una seconda sessione di test decisiva. Le prove in attesa del nuovo Renault australe, denominate “gare di conferma”, coinvolgeranno un centinaio di veicoli e un percorso di due milioni di chilometri che attraverserà Francia, Spagna, Germania e Romania. I 900 collaudatori iscritti all’ultima fase dei test percorreranno 600.000 chilometri su strade aperte al traffico, per valutare il comportamento della vettura in condizioni di traffico normale, ei restanti 1.400.000 chilometri in pista. I test consentiranno ai tecnici Renault di affinare le dettagli finali riguardanti la nuova architettura, i sistemi di assistenza alla guida, l’insonorizzazione dell’abitacolo e il comfort delle sospensioni.

MOTORI NUOVI – Gli ultimi test saranno un importante banco di prova per il motori, tutto elettrificato, come ilE-Tech Hybrid della nuova generazione, il 1.3 TCe mild-hybrid 12 V e l’inedito 1.2 TCe mild-hybrid 48 V, entrando nella gamma Renault. Questa famiglia di motori promette livelli di efficienza record, con emissioni ridotte, a partire da 105 g CO2/km (per il motore E-TECH in ciclo WLTP, in fase di omologazione) e una potenza massima fino a 200 CV. .

READ  Ftse Mib, focus su Atlantia e Generali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.