Rezza: ‘La vaccinazione procede bene ma non ha effetti a breve termine’

Le regioni rispondono molto bene alla vaccinazione e fanno molto meglio che in altri paesi che hanno una cultura vaccinale più debole ma i cui effetti non sono visibili a breve termine. Lo ha detto Gianni Rezza durante la conferenza stampa di data tracking. “Le persone fragili – ha spiegato – dovranno avere accesso alla vaccinazione contemporaneamente agli anziani nella seconda fase”. C’è una riflessione con le società scientifiche di riferimento per dare copertura vaccinale anche ai pazienti ematologici e oncologici “, ha aggiunto il presidente della CSS, Franco Locatelli.” Si ritiene che riguardi indirettamente i pazienti pediatrici. , per il quale non è approvato l’uso del vaccino anti-Covid – ha spiegato Locatelli – attraverso la vaccinazione prioritaria dei conviventi da parte della madre e del padre ”.

“I vaccini approvati da Pfizer e Moderna – ha detto Locatelli – sono basati sulla tecnologia Rna-messenger e l’intervallo tra due somministrazioni per Moderna è di 28 giorni invece di 21. Per ogni fiala di Moderna sono disponibili 10 dosi. , non necessita di diluizione e di conservazione tra 15 e 25 gradi “.

I dati sul vaccino Moderna – ha detto Locatelli – indicano “tassi di efficacia dall’85 all’86% nelle persone over 65 e questo non è dato per scontato”. Riferendosi quindi al profilo di sicurezza del vaccino, “è assolutamente coerente con quello osservato con Pfizer”, ha sottolineato.

La consegna delle dosi di vaccino Moderna in Europa – ha spiegato un portavoce dell’UE – inizierà la prossima settimana e continuerà nel resto dell’anno “. Le consegne dei 200 milioni di dosi del vaccino Pfizer-Biontech saranno “completate” entro settembre. 2021. I 100 milioni di dosi aggiuntive dell’opzione Pfizer-Biontech saranno consegnati nella seconda metà dell’anno. Quanto alle 300 milioni di dosi aggiuntive di Pfizer-Biontech annunciate oggi dalla presidente Ursula von der Leyen, arriveranno nel 2021 ”.

READ  Tesla Model Y: $ 2.000 per "sbandare" con Acceleration Boost

“Oggi – ha detto Locatelli – l’Ue ha annunciato che ci saranno 300 milioni di dosi di vaccino Pfizer per l’Unione Europea e il 13,46% sarà destinato all’Italia e questo è rassicurante rispetto alle dosi che avremo durante l’anno“.

“Ieri – ha spiegato – eravamo vicini alle 90.000 vaccinazioni e questo documenta la capacità del Paese perché la velocità è importante”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA