Richiedente asilo di stato B?  D66 e CU non ne hanno voglia |  Politica

Richiedente asilo di stato B? D66 e CU non ne hanno voglia | Politica

con filmatoIl gabinetto rimane diviso internamente su come arginare il massiccio afflusso di richiedenti asilo. Anche un piano per concedere lo status B a determinati richiedenti asilo non sembra essere la soluzione.

Da circa sei mesi il gabinetto sta discutendo su come gestire il massiccio afflusso di richiedenti asilo. E dopo la deliberazione di ieri si è parlato di “buone discussioni” (secondo il primo ministro Mark Rutte), ma “è necessario più tempo” (secondo il ministro Hugo de Jonge).

Un piano per concedere ad alcuni richiedenti asilo uno status B, in modo che abbiano un diritto di soggiorno più breve e non siano autorizzati a portare con sé familiari, non è nemmeno la pillola magica per raggiungere un accordo politico. Sebbene il VVD e il CDA siano favorevoli, i partner della coalizione D66 e ChristenUnie si oppongono. “Non vedo come questa opzione possa essere d’aiuto”, ha dichiarato Anne-Marijke Podt, deputata del D66. Anche Don Ceder di CU’er è scettico: ,,Questa non è una soluzione a breve termine, mentre vogliamo evitare che le persone debbano dormire di nuovo fuori nell’erba.” Parla addirittura di una ‘misura intimidatoria’.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Close e iscriviti tramite Spotify O Mela:


Questo piano, auspicato principalmente dal CDA, si riduce al fatto che i richiedenti asilo sono divisi in due categorie: quelli con status A e quelli con status B. Il primo gruppo comprende le persone a rischio nel proprio paese, ad esempio perché sono omosessuali o a causa della loro religione. Il secondo gruppo è costituito da richiedenti asilo in fuga dalla guerra, ma che potrebbero tornare una volta terminata la guerra. Quest’ultima categoria poi non ha diritto alla residenza permanente e – importante per ridurre l’afflusso – non ha nemmeno il diritto di portare qui i propri familiari.

Il paradosso è che i Paesi Bassi conoscevano già il sistema con status A e B dal 1974 al 2000 compreso. Solo allora fu abolito a causa dell’elevato afflusso. Poiché i richiedenti asilo potevano discutere quasi all’infinito contro il loro status B, era “un motivo speciale per venire nei Paesi Bassi”, ha osservato l’allora segretario di Stato Job Cohen (PvdA). Il numero di ricorsi contro le decisioni dell’IND Immigration Service è stato notevolmente ridotto, ma nel 2023 l’IND è ancora sovraccarico.

L'anno scorso i richiedenti asilo hanno dormito di notte al centro di richiesta di Ter Apel per mancanza di posti.
L’anno scorso i richiedenti asilo hanno dormito di notte al centro di richiesta di Ter Apel per mancanza di posti. © ANP/ANP

Quindi UC Ceder MP dice: “Se guardi al passato, vedi che un tale sistema di status non era fattibile e non risolve i problemi strutturali. in modo che i sindaci possano essere costretti a fornire un riparo. E vuole che venga costruito molto presto un secondo centro di registrazione, accanto a quello di Ter Apel. Insomma: c’è ancora molto da fare prima di poter parlare di un sistema di status.

Tempo

Questo sembra essere un compromesso tra i partiti della coalizione – e IOn il gabinetto – ancora fino a sei mesi fa. Ma il segretario di Stato Eric van der Burg (Asylum, VVD) rimane allegro. “Rimango ancora ottimista, perché tutti sono nella posizione in cui dobbiamo arrivarci insieme”.

READ  sospetta contaminazione, ecco i pacchi a rischio - Libero Quotidiano

Eppure il tempo stringe, almeno per il VVD. Dopotutto, è stato il leader del partito Rutte a promettere un “impegno personale” in una conferenza del partito a novembre per arginare il flusso di richiedenti asilo. Il 3 giugno, il VVD terrà un altro congresso del partito, dove alcuni sostenitori vorranno vedere i risultati.

Per questo inizialmente si prevedeva di prendere una decisione nell’ultima settimana di maggio, ma ieri il ministro Hugo de Jonge (Alloggio, CDA) ha dichiarato che le consultazioni “richiederanno ancora qualche settimana”. La fine di maggio è probabilmente troppo presto. “Penso che avremo bisogno di più tempo per capirlo.”

Guarda tutti i nostri video di politica qui:

Il deputato Don Ceder (Unione cristiana) è scettico sul piano di dividere i richiedenti asilo in gruppi di status diverso.
Il deputato Don Ceder (Unione cristiana) è scettico sul piano di dividere i richiedenti asilo in gruppi di status diverso. © Jeroen Meuwsen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *