Rimarrai al di sotto del prezzo massimo dell’energia?  guarda qui

Rimarrai al di sotto del prezzo massimo dell’energia? guarda qui

Il prezzo massimo dell’energia entrerà in vigore il 1° gennaio. Da questa data paghi 1,45 euro per m3 di gas e 40 centesimi di euro per chilowattora di energia elettrica, fino al raggiungimento del prezzo massimo. Questo prezzo massimo dovrebbe applicarsi fino a un consumo di 1.200 m3 di gas e 2.900 kWh di elettricità all’anno, ma in pratica spesso non è così.

Prima di spiegare perché, puoi prima guardare sotto con quale consumo rimani al di sotto del prezzo massimo. Per questo è necessaria la data in cui è stato stipulato il contratto energetico (di solito è anche il giorno in cui si riceve la fattura finale ed è importante per il calcolo).

Poi il perché.

Il gabinetto ha sempre affermato che le famiglie olandesi potrebbero consumare fino a 1200 metri cubi di gas e 2900 chilowattora (kWh) di elettricità nel 2023 alla tariffa ridotta di 1,45 euro per metro cubo di gas e 0,40 euro per kWh di elettricità.

Consumo energetico giornaliero

Tuttavia, il regolamento del price cap elaborato dal governo mostra che questo price cap non si applica necessariamente all’intero anno. Infatti, il modello di calcolo utilizzato dal governo non presuppone un consumo energetico massimo annuo, ma un consumo energetico massimo giornaliero.

Il modello tiene conto anche del fatto che le famiglie consumano più energia in inverno che in estate. Nelle (previste) giornate fredde, puoi quindi utilizzare una quantità relativamente elevata di energia fino a raggiungere il limite giornaliero; durante il periodo delle vacanze estive, ad esempio, molto meno.

Esempio di calcolo

La data della tua dichiarazione annuale determina quindi se devi pagare un supplemento. Supponiamo che tu riceva la fattura finale il 28 aprile. Per rimanere al di sotto del price cap di 1,45 euro per un metro cubo di gas e 0,40 euro per un kWh di energia elettrica, si possono acquistare al massimo 647 metri cubi di gas e 1074 kWh di energia elettrica nel periodo dal 1° gennaio al 27 aprile.

READ  Ftse Mib, focus su Atlantia e Generali

Una famiglia che in questo periodo ha consumato 800 metri cubi di gas e 1300 chilowattora di energia elettrica dovrà poi pagare 153 metri cubi e 226 kWh a prezzi di mercato molto cari, nonostante siano ancora al di sotto dei limiti di consumo per un l’intero anno.

Ciò vale anche se la famiglia riposa nel periodo successivo e consuma 1200 m3 di gas e 2900 kWh di elettricità durante un anno intero.

Funziona esattamente allo stesso modo al contrario. Una famiglia che è stata più economica di quanto previsto dal modello di calcolo nel periodo antecedente la bolletta annuale può utilizzare i metri cubi non utilizzati non riporto al resto dell’anno.

Supponiamo che il nostro calcolo campione utilizzi solo 400 metri cubi di gas nel periodo fino al 27 aprile compreso. A quel punto scadranno 247 metri cubi di gas al di sotto del cap price. Questi metri cubi di gas non possono ancora essere bruciati al tasso basso dopo il 27 aprile.

Qual è di nuovo la base del prezzo massimo? Te lo spieghiamo nel video qui sotto:

Solo le persone che casualmente hanno stipulato il loro contratto energetico il 1° gennaio non saranno quindi interessate da questa condivisione. Le conseguenze del modello di calcolo saranno limitate anche per le famiglie che pagano bassi tassi di mercato perché hanno ancora un contratto pluriennale. Dopotutto, le tariffe che devono pagare per consumi superiori al loro prezzo massimo saranno inferiori.

Secondo il Ministero dell’Economia, la suddivisione dell’anno nella fattura finale è necessaria per motivi contabili.

READ  Cashback, incredibile battuta finale: una puntura per gli italiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *