robin-williams-serio

Robin Williams, sei anni dopo la sua morte, un documentario per spiegare il suicidio

Esattamente sei anni fa, il11 agosto 2014, si è tolto la vita, impiccandosi a casa, uno dei più grandi attori di sempre: Robin Williams. Con i suoi personaggi aveva fatto ridere, piangere, sognare e riflettere milioni di persone in tutto il mondo. Il suo suicidio, avvenuto all’età di 63 anni, ha lasciato tutti i suoi fan sbalorditi. In effetti, è stato successivamente rivelato che Robin non stava bene da molto tempo e gli era appena stato diagnosticato uno grave malattia neurodegenerativa questo gli avrebbe concesso alcuni anni di vita.

“Se fosse andata bene avrebbe avuto forse tre anni di vita e sarebbero stati tre anni duri, probabilmente sarebbe stato internato. Alla fine non aveva più nemmeno il controllo della sua voce, era sobrio, completamente pulito, ma soffriva di ansie “, ha spiegato Susan Schneider, la sua terza moglie, al fianco di Robin fino alla fine, rendendo pubbliche le sue diagnosi Parkinson e di Demenza da corpi di Lewy fatto per l’attore.

E così Robin ha preferito lasciare la scena prima, prima che la sua mente fosse completamente annebbiata, prima che tutte le persone che lo amavano vedessero il suo crollo fisico e ancor più psichico. Preferiva che il sipario si chiudesse con il ricordo ancora forte delle sue meravigliose interpretazioni.

Sei anni dopo Susan ha annunciato l’uscita di un documentario dedicato a Williams, Robin’s Wish, che dice al file ultimi mesi di vita attore.

Nel documentario, di cui è recentemente disponibile un primo trailer, Susan viene vista interrogare medici, amici e colleghi che hanno condiviso con lui il set del suo ultimo film. Una notte al museo – Il segreto del faraone. “Sul set era chiaro a tutti che stava succedendo qualcosa a Robin e ricordo che un giorno mi disse ‘Non so cosa mi sta succedendo, non sono più io'”, dice. Shawn Levy, regista del film.

“Era come se avesse qualcosa dentro che lo stava consumando”, aggiunge David E. Kelly.

In attesa di vedere al cinema il racconto degli ultimi mesi di vita di un attore che è stato un gigante del cinema, online nell’anniversario della sua morte, in tanti lo ricordano con parole piene d’amore.

“È salito su una scrivania per cogliere l’attimo fugace. Ha preso vita una notte, al museo, indossava un camice bianco e un naso rosso, una camicia di Peter Pan. Ovunque sia ora, in una lampada, in un nuovo gioco di Jumanji, rimarrà il più grande. Un pezzo di infanzia “

“Oh, capitano! Capitano mio, quanto ci manchi!
Quanto ci manca la tua brillante parlantina in un mondo così cinico e violento! “

“Oh capitano, mio ​​capitano, spero che almeno lassù tu abbia trovato la pace e la serenità che tanto cercavi ma che purtroppo non sei riuscito a trovare qui. Mi manchi tutti i giorni”.

“Medicina, legge, economia, ingegneria sono occupazioni nobili e necessarie per sostenere la vita. Ma poesia, bellezza, romanticismo, amore, queste sono le cose per cui rimaniamo vivi. Grazie, Robin Williams “

“Non mi ero mai accorto che mancasse ai tempi di #Cadenti Stars. C’è simmetria in questo. C’erano coraggio e follia in ogni sua interpretazione. Un modo tutto particolare per dare forma all’amore e alla fragilità, all’ironia e alla bellezza. #RobinWilliams “

Ricordiamo come voleva:

Per favore, non preoccuparti così tanto perché alla fine nessuno di noi può rimanere a lungo su questa terra. La vita è fugace e se per caso sei in difficoltà, guarda il cielo estivo con le stelle sparse nella notte vellutata. Quando una stella cadente vaga nell’oscurità della notte, trasformando la notte in giorno con il suo bagliore, esprimi un desiderio e pensa a me. Rendi la tua vita spettacolare: so di averlo fatto

READ  Zaia dichiara lo stato di crisi per il Verona dopo il violento nubifragio: "Città colpita al cuore". Strade sommerse e alberi sradicati - VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *