Rotterdam, Monaco e Milano chiedono che il direttore d’orchestra Gergiev prenda le distanze dalla guerra in Ucraina

Statua di Valery Gergiev DPA

Valery Gergjeviimmagine DPA

Valery Gergiev è uno dei direttori d’orchestra più famosi e impegnati al mondo. Dal 1995 al 2008 ha diretto l’Orchestra di Rotterdam come direttore. Oggi è direttore onorario e direttore artistico del Festival Gergiev, che si tiene dal 1995.

La decisione di Rotterdam segue la notizia che Gergiev non sarà il benvenuto come direttore ospite alla Carnegie Hall di New York questo fine settimana. Colpo di scena anche Monaco: se il russo non prende le distanze dalla guerra in Ucraina entro lunedì al più tardi, perderà l’incarico di direttore della Filarmonica di Monaco. Richieste simili sono arrivate dall’opera italiana La Scala e dall’Orchestra Filarmonica di Vienna.

Fedele

Negli ultimi anni, Gergiev ha costantemente professato la sua lealtà al presidente russo Putin. Nel 2016, ad esempio, ha diretto un concerto tra le rovine romane di Palmira in Siria, il Paese che Putin aveva bombardato. “Non posso giudicare la loro relazione”, afferma il direttore dell’orchestra di Rotterdam George Wiegel. “Non puoi aspettarti che buttiamo via tutti quegli anni di collaborazione artistica tutti in una volta. D’altra parte, ci rendiamo conto che Gergiev proprio non può andare avanti.

Wiegel vorrebbe parlare prima con lo stesso Gergiev. “Lasciamo consapevolmente la porta aperta per vedere: una conversazione risolve qualcosa o si indurisce? Capiamo che la sua posizione è complicata, resta da vedere quale sia il suo margine di manovra. I concerti con Gergjev sono previsti a Rotterdam a maggio.

READ  Ecco come sono ora i sei figli di Anouk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *