Diversi editori statunitensi si stanno allontanando dal framework AMP di Google – IT Pro – News

Vox Media, BuzzFeed, Complex Networks e BDG stanno lavorando su alternative alle pagine degli articoli ottimizzate per dispositivi mobili e si stanno allontanando dal framework AMP di Google per le pagine mobili.

Questo è ciò che scrive il Wall Street Journal. Secondo il quotidiano, i vari editori americani si stanno allontanando dal framework AMP per dipendere meno da Google per la pubblicità. Gli editori affermano che stanno perdendo entrate pubblicitarie a causa del framework AMP e stanno attualmente testando o considerando di testare il proprio framework, scrive il Wall Street Journal.

Questa non è la prima volta che le aziende vogliono sbarazzarsi del framework AMP di Google. Nel novembre dello scorso anno Twitter ha deciso di non reindirizzare più gli utenti alla versione AMP di un sito web. La società non fornisce alcuna ragione per questo, ma il piano era di eliminare gradualmente la visualizzazione delle pagine AMP nell’arco di pochi mesi. In precedenza, anche il Washington Post aveva interrotto la pubblicazione delle versioni AMP dei suoi articoli.

AMP sta per Accelerated Mobile Pages ed è un progetto Google che consente ai siti di caricarsi più velocemente visualizzando una versione semplificata, in cui viene rimosso molto codice e non vengono caricate tutte le immagini e i banner. Il quadro è stato criticato per anni† Ciò si traduce in un calo delle vendite per molti media, perché vengono visualizzati meno annunci e perché le pagine AMP si trovano sul server di Google ma contengono normali articoli multimediali. Sempre l’anno scorso, una causa ha rivelato che Google ha progettato specificamente AMP per rendere più difficile mettere all’asta lo spazio pubblicitario al di fuori di Ad Exchange di Google, ha scritto in precedenza il Wall Street Journal

READ  Fiat Punto tornerà nel 2022 - Auto World

Ryan Pauley, CEO di Vox Media, afferma che oltre alle entrate pubblicitarie, dovrebbe anche essere più facile aumentare gli abbonati a pagamento, poiché i siti Web possono quindi applicare più facilmente anche il loro paywall mobile. Qualcosa di più difficile tramite AMP, secondo lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *