Rotto il primo grande contratto collettivo di lavoro: 10,3% in più nel settore delle manutenzioni | Economia

Il primo grande contratto collettivo di lavoro nel nostro Paese è stato infranto per ripristinare il potere d’acquisto dei dipendenti. Circa 16.000 dipendenti del settore verniciatura e manutenzione possono contare su un aumento salariale non inferiore al 10,3% dal 1° gennaio. Lo hanno annunciato venerdì l’organizzazione di filiale MaintenanceNL e i sindacati.

Secondo l’associazione dei datori di lavoro AWVN, questo è il primo grande contratto collettivo in cui ciò è avvenuto. “Vediamo che le parti vogliono parlarne. Adesso anche la situazione è diversa da quella di due anni fa, per esempio. Abbiamo a che fare con un’inflazione alle stelle e una carenza nel mercato del lavoro. I datori di lavoro vogliono mantenere i propri dipendenti”.

L’aumento salariale è destinato, tra l’altro, ai dipendenti che si occupano di manutenzione, ristrutturazione, restauro, isolamento, verniciatura, smaltatura e conservazione dei metalli industriali.

Datori di lavoro e sindacati parlano della sfida che il settore della manutenzione nel nostro Paese sta affrontando: la crisi energetica, l’incertezza geopolitica, la sfida della sostenibilità e la carenza del mercato del lavoro.

“Un aumento regolare dei salari come un aumento dei costi è infatti impensabile da un lato, ma dall’altro è necessario mantenere il potere d’acquisto dei dipendenti interessati. Ha anche lo scopo di attrarre nuovi dipendenti”, secondo il parti.

READ  presto in un conto separato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.