Russia, riprese in una scuola a Kazan. Un ex studente uccide: “Odio tutti e sono Dio”

Mosca, 11 maggio 2021 – Massacro in una scuola una Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. UN Giovane di 19 anni ha aperto il fuoco uccidendo 9 persone e ferire altri 32, alcuni seriamente. In bilancio i dati sono ancora incerti (alcune fonti parlano di 7 morti, altre addirittura di 11), ma è certo che la maggior parte delle vittime sono giovanissimi studenti dell’istituto.

L’autore della strage – un ex studente, laureato dell’istituto – È stato fermato. In un primo momento, i media hanno riferito un complice, che sarebbe stato ucciso dalla polizia, ma la notizia è stata successivamente smentita dal portavoce del governatore della Repubblica russa del Tatarstan, Rustam Minnikhanov. Quest’ultimo ha poi descritto il massacro come “tragedia”, fornendo supporto psicologico a studenti e famiglie e proclamando un giorno di lutto in tutto il paese.

Un'immagine dal video che mostra l'autore del massacro di Kazan (Ansa)

Chi è lo studente assassino

Nei media russi è apparso un video che raffigura il giovane kiler, mani e piedi legati in una cella, in cui racconta perché ha deciso di aprire il fuoco nel suo vecchio istituto. Il ragazzo, identificato come Ilnaz GalyavievEgli ha detto “odiava ancora tutti” ma che durante la scorsa estate, “un mostro ha iniziato a prendere forma in me”. “Due mesi fa ho capito che ero dio, nessuno me l’ha detto, me ne sono accorto da solo ”, dice il ragazzo visibilmente sconvolto rispondendo alle domande degli inquirenti secondo l’emittente Dozhd.

Galyaviev afferma anche di non avere genitori perché “la donna che mi ha partorito non è una madre”. E persino: “Non ci sono genitori, non li ho mai chiamati mamma e papà.”

READ  I colori della regione: Veneto, Marche e Trento in zona arancio da martedì 6 - Cronaca

Il ragazzo, come detto, era un ex allievo della scuola e l’aveva fatto “un’arma ufficialmente registrata a suo nome”. Attualmente sembra essere uno studente universitario, da dove è stato espulso ad aprile per debiti accademici accumulati. Infatti, da gennaio, non si è presentato a lezione.

immagine

Panico a scuola e fuga dalle finestre

Sul posto sono arrivate molte ambulanze per soccorrere i feriti causati anche dal panico: molti ragazzi l’hanno fatto buttato fuori dalle finestre dal terzo piano per evitare di colpire gli aggressori o per sfuggire a qualcuno che li insegue, come testimoniano i video e le testimonianze. Altri studenti sono stati portati via dalle forze speciali con una scala appoggiata a un muro.

L’allarme della scuola Kazan 175 è scattato alle 9.25 ora locale, cinque minuti dopo l’inizio della sparatoria. Secondo l’agenzia Tass, all’epoca nella scuola c’erano 714 studenti e circa 70 adulti, di cui 52 insegnanti.

Massacro scolastico: il precedente in una scuola della Crimea

Putin: premi la licenza per le armi

Dopo il massacro, il presidente russo, Vladimir Poutine, ha chiesto di rivedere e rafforzare le norme in vigore nel paese in materia di trasporto di armi. “Il presidente ha ordinato lo sviluppo urgente del tipo di armi che possono essere fornite alla popolazione civile, tenendo conto di quelle utilizzate nella sparatoria di Kazan”Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov subito dopo l’attacco di oggi.

Kazan, culla dell’Islam moderato

Kazan, capitale di Tatarstan, è culla dell’Islam moderato che ha ufficialmente abbracciato il culto nel 922 e dove si trova il Corano più grande del mondo, nonché un’importante scuola coranica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *