Rutte davanti a una commissione d’inchiesta sul suo ruolo nel dossier del gas di Groningen |  ADESSO

Rutte davanti a una commissione d’inchiesta sul suo ruolo nel dossier del gas di Groningen | ADESSO

Il nome del premier Mark Rutte è stato più volte citato nelle ultime settimane negli interrogatori dell’inchiesta parlamentare sull’estrazione del gas a Groningen. Oggi testimonia lo stesso Presidente del Consiglio. Qual era il suo ruolo nel caso?

Finora, la commissione ha intervistato 65 persone. La vittima Herman de Muinck è stata la prima. Era un insegnante di ginnastica e aveva il portafoglio di sicurezza del consiglio scolastico.

“Se stavo affrontando un importante problema di sicurezza, il mio rettore sarebbe stato accanto a me e avrebbe detto: ‘Affronteremo questo insieme'”, ha detto Groninger, 73 anni.

De Muinck si aspettava che lo facesse anche Rutte, poiché secondo lui l’estrazione di gas è un grosso problema. “Ma non è successo”, ha concluso.

Rutte è l’unico fattore costante nella politica dell’Aia dal terremoto di Huizinge (estate 2012). Sotto la sua guida, i ministri Maxime Verhagen, Henk Kamp, Eric Wiebes e Stef Blok, tra gli altri, erano responsabili dell’estrazione del gas. Il dossier è attualmente di competenza del segretario di Stato Hans Vijlbrief (Mines).

Ci volle un po’ prima che Rutte prendesse più controllo

Anche l’ex commissario del re Max van den Berg ha criticato Rutte durante il suo interrogatorio. Nel 2014 è venuto a Torentje di propria iniziativa per sostenere un approccio più ampio, ha affermato.

“Rutte ha ascoltato molto bene. A differenza di Kamp, che era molto più duro e reticente, ci ha pensato su. Ma poi non l’ha fatto”, Van den Berg ha descritto l’atteggiamento del primo ministro. Secondo lui, Rutte non voleva prendere il controllo nonostante il lavoro di bloccaggio.

READ  Cashback, incredibile battuta finale: una puntura per gli italiani

Nei primi anni, era principalmente il ministro Kamp a gestire il fascicolo. Durante l’interrogatorio, il ministro in carica Kajsa Ollongren ha detto che Rutte “pensava che fosse un argomento importante” in quel momento. “Di certo ha attirato la sua attenzione”, ha detto il ministro. È stata la più alta funzionaria del Dipartimento del Primo Ministro dal 2011 al 2014.

Più tardi, nel 2018, è stato, secondo Ollongren Rutte, a esortare il resto dei ministri a “fare la loro parte. Questo fascicolo non è solo per Eric Wiebes, dobbiamo affrontarlo tutti”, si dice che abbia detto . . disse. Ollongren era allora ministro dell’Interno e divenne responsabile dell’operazione di rinforzo.

Rutte ha visitato più volte la regione del terremoto negli ultimi dieci anni. Ha parlato con le vittime lì ogni anno dal 2017.

Rutte si è scusata a nome dell’azienda nel 2019

All’inizio di giugno 2019, due settimane dopo il grave terremoto di Westerwijtwerd, Rutte è stata chiamata per la prima volta alla Camera per discutere le questioni a Groningen.

Il primo ministro si è scusato a nome del gabinetto. Primo, per il fatto che la sicurezza da tempo non ha avuto alcun ruolo nella discussione sull’estrazione del gas. Inoltre, per aver sottovalutato l’enorme operazione di rinforzo e la portata dell’approccio al danno. Infine, si è scusato per essersi concentrato per anni troppo sulla “certezza del diritto”. “E’ una crisi al rallentatore”, ha ammesso il premier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *