Rutte sottolinea l’importanza delle sanzioni russe nonostante i prezzi elevati dell’energia | ADESSO

Il primo ministro Mark Rutte intende chiarire il significato delle sanzioni contro la Russia nel prossimo futuro. La Camera si chiede se il governo sarà ancora in grado di coinvolgere le persone, ora che i prezzi dell’energia sono alle stelle e le persone sono finanziariamente bloccate. “Non possiamo tornare indietro nel tempo in cui si applica la legge del più forte”, ha detto giovedì il Primo Ministro durante le Riflessioni politiche generali.

Jan Paternotte (D66) ha dichiarato mercoledì di avere la sensazione che il governo “non sia in grado di salire a bordo a sufficienza”.

Dall’invasione russa dell’Ucraina lo scorso febbraio, Rutte ha discusso della guerra ogni venerdì all’inizio della sua conferenza stampa.

Paternotte e il leader di Volt Laurens Dassen hanno sottolineato che il primo ministro belga Alexander De Croo, il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro finlandese Sanna Marin si sono rivolti specificamente alla loro popolazione.

C’è sostegno parlamentare per la fornitura di equipaggiamento militare all’Ucraina. La maggior parte delle parti sostiene anche le sanzioni imposte alla Russia. Tuttavia, alcuni parlamentari hanno una voce diversa. “È impossibile per noi creare sanzioni che danneggino la nostra gente nei Paesi Bassi più di quella in Russia”, ha detto mercoledì il leader del PVV Geert Wilders.

Il leader del partito CDA Pieter Heerma ha poi voluto sapere da Wilders come voleva fermare l’aggressione del presidente russo Vladimir Putin, se non voleva sanzioni e nessun sostegno alle armi dall’Occidente. Secondo il leader del PVV, non spetta a lui occuparsene.

Rutte: “Non cedere a ricatti e pressioni”

Rutte ha riconosciuto giovedì che era importante mantenere il sostegno alle sanzioni. “Le persone sono colpite dalla guerra. Gli effetti possono essere gravi per famiglie e imprese”, spiega il Primo Ministro.

READ  questo piccolo coraggio

Il governo sta “facendo tutto il possibile” per assorbire le conseguenze, ma Rutte sottolinea che i Paesi Bassi non dovrebbero “cedere al ricatto e alle pressioni” acquistando nuovamente energia russa a basso costo. “Quindi la recinzione è fuori dalla diga.”

Secondo Rutte, una cosa è chiara: Putin non si fermerà dopo l’Ucraina. “Allora, qual è la prossima vittima? Poi incombe una guerra molto più grande.”

Il premier chiama quindi la guerra in Ucraina “anche la nostra guerra”. Spiega che i Paesi Bassi non sono letteralmente in guerra con la Russia, ma che il governo dovrebbe aiutare dove può. “Semplicemente non abbiamo altra scelta morale, pratica e umana. Lo stiamo facendo anche per noi stessi. Per la nostra immediata sicurezza e prosperità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.