Saremo presto in grado di ottenere carburante per la fusione nucleare sulla Luna?

Saremo presto in grado di ottenere carburante per la fusione nucleare sulla Luna?

Scienziati cinesi hanno scoperto un nuovo minerale sulla luna. Ciò potrebbe avere conseguenze importanti. Dopotutto, il minerale contiene l’isotopo elio-3, un nucleo atomico che potrebbe essere usato come combustibile per i reattori a fusione nucleare.

La scoperta è stata annunciata venerdì. Sarebbe un minerale descritto dall’agenzia di stampa statale cinese Xinhua come un cristallo incolore. È stato scoperto in una spedizione di regolite lunare portata sulla Terra nel 2020 dal Chang’e-5la prima missione cinese per riportare campioni dalla luna.

È anche la prima volta nella storia che la Cina scopre un nuovo minerale sulla luna. E questo sembra subito costoso: sebbene altri minerali siano già stati scoperti sul nostro satellite naturale da Stati Uniti e Russia, la Cina afferma che la scoperta è unica. Si dice che il minerale, Changesite-(Y), dal nome di Chang’e, la dea cinese della luna, contenga elio-3.

La presenza di elio-3 è di grande importanza. Dopotutto, l’isotopo è cruciale per alcuni reattori a fusione nucleare guidare. Mentre tutti questi sono attualmente in fase sperimentale, molti scienziati sperano che entro pochi decenni forniranno una fonte di energia praticamente illimitata, che non pomperà gas serra nell’aria.

Tuttavia, la maggior parte dei reattori a fusione sono progettati per fondere deuterio e trizio, due isotopi dell’idrogeno, per produrre energia. Ma alcuni progetti postulano l’uso dell’elio-3: la fusione dei nuclei dell’elio-3 rilascerebbe molta energia, senza che la materia circostante diventi radioattiva.

READ  Ah! Questo è il motivo per cui ti ammacca più facilmente quando invecchi

Tuttavia, l’elio-3 è piuttosto raro sulla Terra, il che potrebbe complicare questi piani. Per questo motivo gli scienziati da tempo osservano la luna, dove ci sarebbe un’offerta considerevole. A causa del vento solare, particelle ad alta energia continuamente gettate nello spazio dal sole, nel corso degli anni si sono depositate circa un milione di tonnellate di elio-3. sarebbe la regolite lunare mille a diecimila può contenere volte più elio-3 che nell’atmosfera terrestre.

La Cina vuole essere un precursore

La Cina ora vuole impiegare più risorse per verificare se l’estrazione del materiale è fattibile. Un giorno dopo la scoperta dell’elio-3 a Changesite-(Y), il paese ha immediatamente annunciato tre nuove missioni senza pilota sulla luna nei prossimi dieci anni. Il paese lancia sonde senza pilota sul nostro satellite naturale dal 2007, come parte del programma lunare cinese lanciato nel 2004.

L’espansione del programma lunare è un segno che le ambizioni della Cina nello spazio stanno crescendo. Ad esempio, il paese ha recentemente iniziato a costruire la propria stazione spaziale, il Tiangong, diventare un concorrente della ISS. Anche un rover cinese senza pilota è atterrato per la prima volta su Marte nel 2021, un altro segno che il Paese sta sorpassando. Nel prossimo decennio anche il Paese vuole, proprio come l’Occidente, portare le persone sul pianeta rosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *