Scoperto un nuovo pianeta: TOI 1231 simile a Nettuno ma potrebbe avere nuvole d’acqua

I ricercatori sono stati in grado di determinare il raggio e la massa del pianeta, il che li ha aiutati a dedurre che ha una bassa densità. Il livello di densità suggerisce che potrebbe essere un pianeta gassoso piuttosto che roccioso come il Terra.TOI-1231 b è abbastanza simile per dimensioni e densità a Nettuno, quindi crediamo che abbia un’atmosfera gassosa altrettanto grande.ha detto l’autore principale dello studio jennifer burt, borsista post-dottorato presso il Jet Propulsion Laboratory del Nasa a Pasadena, in California. TOI1231b potrebbe avere una grande atmosfera di idrogeno o idrogeno-elio o un’atmosfera di vapore acqueo più densa dense“Egli ha detto Dragomiro.Ognuno di essi porterebbe a un’origine diversa, consentendo agli astronomi di capire se e come i pianeti si formano in modo diverso attorno alle nane rosse rispetto ai pianeti attorno al nostro Sole, per esempio.“.

I ricercatori credono che TOI-1231 b ha una temperatura media di 60 gradi Celsius, il che lo rende uno dei piccoli esopianeti più freddi disponibili per futuri studi sulla sua atmosfera. “Rispetto alla maggior parte dei pianeti in transito rilevati finora, che spesso hanno temperature torride di centinaia o migliaia di gradi, TOI-1231 b è decisamente gelido.“ha detto l’autore Burt.

“TOI-1231b è uno dei pochi altri pianeti che conosciamo con una dimensione e un intervallo di temperatura simili, quindi le future osservazioni di questo nuovo pianeta ci permetteranno di determinare quanta formazione di nubi e acqua è comune (o scarsa) intorno a questi mondi temperati .“, ha spiegato Burt.

Le caratteristiche di TOI-1231 b lo rendono il candidato ideale per le osservazioni del telescopio spaziale Hubble, o il telescopio spaziale James webb, il cui lancio è previsto per ottobre. Webb avrà la capacità di scansionare le atmosfere degli esopianeti e aiutare a determinarne la composizione. Anzi, Hubble dovrebbe osservare l’esopianeta alla fine di questo mese.

READ  Hubble ci mostra uno spettacolare effetto "lente gravitazionale" di una galassia morente

Burt, Dragomir e i loro colleghi hanno scoperto il pianeta utilizzando i dati di Satellite per lo studio degli esopianeti in transito, o TESS, da Nasa. Il satellite a caccia di pianeti, lanciato nel 2018, osserva diverse aree del cielo per 28 giorni alla volta. Finora, TESS ha aiutato gli scienziati a trovare esopianeti grandi e piccoli in orbita attorno a stelle come il nostro sole e stelle nane rosse più piccole. Queste piccole stelle sono comuni nella galassia di via Lattea.

Gli astronomi usano queste missioni per scoprire nuovi esopianeti. Uno dei modi più comuni è il “transito” ovvero quando un pianeta passa davanti alla sua stella durante la sua orbita e blocca una certa quantità di luce. Poiché le stelle nane M sono più piccole, la quantità di luce bloccata da un pianeta in orbita è maggiore, rendendo il transito più rilevabile. Gli scienziati stanno cercando almeno due transiti prima di determinare se hanno trovato un esopianeta candidato. Le osservazioni di da seguire sono state effettuate utilizzando lo spettrografo Planet Finder sul telescopio Magellan Clay presso l’osservatorio di Las Campanas a Chile.

Una delle scoperte più intriganti degli ultimi due decenni di scienza degli esopianeti è che, finora, nessuno dei nuovi sistemi planetari che abbiamo scoperto assomiglia al nostro sistema solare.“Egli ha detto Burt.Questo nuovo pianeta che abbiamo scoperto è ancora strano, ma ci vuole un altro passo per assomigliare un po’ ai pianeti viciniLo studio della nuova scoperta apparirà nel prossimo numero della rivista. Astronomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *