Si prevede che un campo di alghe due volte più grande del Belgio nell’Oceano Atlantico rallenti il ​​riscaldamento globale

Si prevede che un campo di alghe due volte più grande del Belgio nell’Oceano Atlantico rallenti il ​​riscaldamento globale

Gli esperti che abbiamo chiamato sono cauti. Indicano il possibile impatto ecologico se le alghe vengono lasciate cadere in massa sul fondo del mare. “In linea di principio, questo può funzionare, perché c’è poco scambio tra gli strati (molto) profondi e la superficie dell’acqua. Ma qui si presume che non vi sia nulla di interessante sul fondo del mare”, spiega Steven Degraer, ecologista marino del Royal Istituto belga. per le scienze naturali (IRSNB). “Hai credenti e non credenti della storia del risparmio di carbonio delle alghe.”

La biologa marina Ann Vanreusel (UGent) ha già partecipato a un simposio organizzato da Smetacek. “È anche l’uomo dietro l’idea di fertilizzare l’oceano con il ferro, in modo che il plancton possa crescere in massa e assorbire CO₂ (un’altra forma di cosiddetta geoingegneria, ndr). Rimane in superficie”. Dobbiamo prima disegnare i contorni, perché non ne sappiamo ancora molto. Devi ancora pesare qui: quanto è urgente e ne sappiamo già abbastanza?”

Filip Meysman dubita che il progetto possa effettivamente rimuovere una gigatonnellata di CO₂ dall’atmosfera all’anno, ma sottolinea anche il lato positivo della storia: “La cosa buona è che almeno ci stanno lavorando, perché avremo pensare con ambizione a queste cose”. .”

READ  Tre piscine olimpiche piene d'oro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *