soluzione per il riciclaggio industriale?  – Ben.nl

soluzione per il riciclaggio industriale? – Ben.nl

Scienziati australiani hanno studiato come le larve di coleottero scompongono la schiuma di polistirene. I loro enzimi possono essere applicabili nei processi di riciclaggio industriale.

Le larve delle specie di coleotteri Zofoba morio può essere qualcosa di speciale. Questi “super vermi” adorano il polistirene o polistirolo. Il fatto che le larve di coleottero possano sopravvivere con il polistirene è stato scoperto alcuni anni fa da studenti delle scuole superiori nelle Filippine. Da allora sono stati condotti diversi studi su questo fenomeno.

Ricercatori australiani dell’Università del Queensland, il cui studio sulla rivista Genomica microbica emerse, incentrato principalmente su come le lunghe catene polimeriche del verme vengono convertite in energia utilizzabile.

Se è chiaro come funziona questo processo, speriamo che possa essere utilizzato su larga scala. Gli enzimi utilizzati dalle larve possono essere la chiave del successo.

Il biotecnologo ambientale Mark van Loosdrecht, professore alla TU Delft, definisce il progetto australiano uno “studio solido”, ma ha alcuni avvertimenti. La ricerca non mostra esattamente come il verme tagli queste lunghe catene molecolari.

Nel Volkskrant si dice al riguardo: “Sospetto che sia più un processo fisico-chimico, non un batterio. Per dirla semplicemente: l’evoluzione funziona abbastanza bene. Se fosse facile per i batteri convertire lunghe catene di polimeri in molecole utili, vedremmo che ciò accade più spesso.

Le creature sopravvivono grazie al polistirene, ma non prosperano. Un gruppo di controllo è cresciuto più velocemente. Quindi sembra che preferirebbero mangiare una mela piuttosto che un pezzo di polistirolo. Van Loosdrecht è cauto sull’applicabilità della tecnologia nei prossimi anni. “Questa ricerca è ancora lontana dall’applicazione pratica”.

READ  “Non potremo più osservare tutto”

Qui puoi vedere come le larve rosicchiano su un blocco di polistirolo:

Fonti): Da Volkskrant

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *