SOS Earth: temperature mai così elevate in 12.000 anni

Il nostro pianeta è più caldo ora di quanto non lo sia mai stato negli ultimi 12.000 anni: il riscaldamento globale antropogenico, legato alle massicce emissioni di CO2, ha portato la Terra a registrare temperature mai viste dai tempi delle civiltà umane permanenti. Stiamo camminando in un “territorio inesplorato” che i modelli climatici hanno previsto e descritto abbastanza bene. Queste sono le conclusioni di un importante studio pubblicato in Natura, che chiarisce un malinteso sul clima del passato ripetutamente sollevato dagli scettici sulla crisi climatica.

Deviazione di Galeotta. Il malinteso è il cosiddetto “enigma della temperatura dell’Olocene”, l’epoca geologica in cui ci troviamo, un periodo interglaciale iniziato 11.700 anni fa. I modelli climatici descrivono il riscaldamento continuo dall’inizio dell’Olocene ad oggi; Tuttavia, le stime della temperatura globale dall’analisi dei fossili marini mostrano un picco nel riscaldamento intorno a 6.000 anni fa seguito da un periodo di raffreddamento, e quindi un ulteriore aumento delle temperature dalla rivoluzione industriale.

Questo apparente divario tra pratica e teoria ha portato alcuni a mettere in dubbio la credibilità dei modelli climatici ed è stato sfruttato dagli scettici per suggerire dubbi sul fatto che le temperature moderne in realtà non fossero più calde di quelle all’inizio dell’inverno. Periodo “caldo” dell’Olocene. . E se questa fase fosse seguita da tornare alla calma, perché diavolo dovremmo credere che il mondo si stia riscaldando?

Invece, lo studio mostra che, contrariamente ai dati suggeriti da precedenti studi geologici, le temperature medie annuali globali sono aumentate negli ultimi 12.000 anni e che il riscaldamento globale causato dall’uomo schiacciò pericolosamente l’acceleratore su questa tendenza, portandoli a livelli completamente artificiali: ora siamo 2,5 ° C in più rispetto a 12.000 anni fa e a concentrazioni di CO2 più massicce di 160 parti per milione rispetto a quelli dell’epoca. Non c’è praticamente alcuna differenza tra ciò che mostrano i fossili marini e ciò che dicono i modelli climatici. Allora da dove viene il pescato?

READ  Giove e Saturno congiuntamente il 21 dicembre. È la stella di Natale - Cronaca

Genesi di un errore. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori della Rutgers University – New Brunswick (USA) hanno esaminato la composizione chimica dei fossili di calcare da foraminiferi, organismi unicellulari che vivono sulla superficie dell’oceano e che, quando muoiono, si depositano sul fondo del mare. Questi sterili stratificati registrano in modo affidabile le temperature degli oceani terrestri e, quindi, le temperature atmosferiche. Fino ad ora, tuttavia, si riteneva che potessero fornire informazioni sulle temperature annuali, e non si è tenuto conto del fatto che questi organismi acquatici si moltiplicano in estate, il loro periodo di “fioritura”.

Inoltre, i cambiamenti nell’eccentricità dell’orbita terrestre (Saperne di più) può portare a periodi in cui le temperature sono più calde del solito in estate e più fredde del solito in inverno, mentre la media annuale cambia di poco. È anche un fenomeno noto che non è stato preso in considerazione in passato.

Come spiegato dal Custode, tutto ciò significava che l’apparente raffreddamento registrato dai fossili marini dopo 6.000 anni fa era in realtà un errore. I foraminiferi registrano le temperature estive, in estati leggermente più fresche legate alle variazioni dell’eccentricità dell’orbita terrestre – un fenomeno che non ha avuto effetto sulle temperature medie annuali, che andavano via via aumentando come indicato dai modelli.

Frattura ricomposta. Ora i modelli e le indagini “si adattano incredibilmente bene e forniscono la garanzia che i modelli climatici stanno facendo un ottimo lavoro”, afferma Samantha Bova, leader dello studio. Le temperature della Terra potrebbero ora essere trovate anche nel periodo più caldo degli ultimi 125.000 anni (l’ultimo periodo caldo tra due ere glaciali), secondo lo scienziato, sebbene ci sia meno certezza su questi ultimi dati finora nel tempo.

READ  Ecco il metodo definitivo per abbronzarsi senza scottature e senza usare prodotti chimici con 2 semplici consigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *