Spezia Sampdoria 2-1, gol e highlights: decide il rigore di Nzola

20 ‘Terzi (SP), 24’ Candreva (SA), 61 ‘rig. Nzola (SP)

SPEZIE (4-3-3): Provedel; Vignali (79 ‘Ferrer), Chabot, Terzi, Marchizza; Estevez (79 ‘Maggiore), Agoumé, Pobega (90’ Erlic); Gyasi, Nzola (79 ‘Piccoli), Farias (65’ Agudelo). Tutto. Italiano

SAMPDORIA (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello; Candreva (85 ‘Ramirez), Thorsby, Ekdal, Jankto (79’ Glass); Damsgaard (79 ‘Quagliarella); Keita (85 ‘Leris). Tutto. Ranieri

Ammoniti: Yoshida, Farias, Bereszynski, Jankto, Agudelo, Marchizza, Gyasi

Storica prima vittoria casalinga di Serie A per lo Spezia che conferma il suo buon momento di forma e dopo aver liquidato il Napoli allo stadio Maradona, si ripete ha battuto 2-1 la Sampdoria nel derby Picco. Vittoria meritata per la squadra italiana che gioca un gioco propositivo ma allo stesso tempo cauto in fase difensiva. Per la Samp, un piccolo passo indietro rispetto al successo di Marassi con l’Inter soprattutto nella fase difensiva dove la squadra di Ranieri non si è dimostrata solida come in altre occasioni. Vincitore del match il solito M’Bala Nzola che ha segnato un rigore da Pobega all’inizio del secondo tempo.

Allenamento del giorno prima confermato dalle scelte in campo. Ranieri lascia Quagliarella a riposo e schiera Keita dal 1 ‘ con Damsgaard a sostegno. L’italiano trova Chabot ed Estevez e mandali in anticipo. Partenza lanciata per lo Spezia che si avvicina subito al punteggio con il pericoloso Nzola. Dopo un inizio difficile, La Samp scuote la pressione e cerca la porta in rete con una doppia conclusione di Thorsby e Keita. Ma tocca alla squadra italiana correre e ripartire sistematicamente la metà della Sampdoria. Al 20 ‘Terzi usa perfettamente una “ virata’ ‘di Chabot per battere Audero di testa. La reazione della Samp è arrabbiata dopo soli 4 ‘costruisce una bella azione conclusa da Jankto e finalizzata in mezzo rovescio da Candreva. Dopo mezz’ora giocata a ritmi altissimi, nell’ultima parte del primo tempo i ritmi calano in attesa del riposo.

READ  La grande esplosione a Beirut, in Libano

Nella ripresa la Samp ha dato l’impressione di partire bene ma è stata costantemente esposta alle ripartenze dello Spezia. Squadra italiana presto prenderà le redini del gioco, si sviluppa dalla destra con Vignali che centra un bel pallone per Pobega che senza troppi complimenti viene respinto da dietro da Jankto: rigore impeccabile che Nzola trasforma. La Sampdoria sente il colpo, Ranieri cambia qualcosa in campo compreso Quagliarella ma i rifornimenti per l’attacco sono molto scarsi. È lo Spezia che resta sempre più pericoloso nel recupero e riesce ad allungare il punteggio solo per un errore nell’ultima tappa. La squadra di Ranieri tenta un forzante finale che si traduce solo in un La testa di Yoshida è finita in basso negli ultimi minuti. Vince lo Spezia che fa un altro passo verso la sicurezza e torna a quota 17, la Samp resta a quota 20.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *