‘Stile Cancellara, mi piace’: tutte le speranze italiane riposano sulle spalle di Filippo Ganna |  Milano-Sanremo

‘Stile Cancellara, mi piace’: tutte le speranze italiane riposano sulle spalle di Filippo Ganna | Milano-Sanremo

Milano-SanremoVai, ‘Pippo’ Ganna. Il Paese crede in te. Bisogna fare in modo che la vittoria di Milano-Sanremo quest’anno rimanga a casa e non venga portata via nelle Fiandre. Le speranze e le aspettative per te sono esorbitanti. “Ho le spalle abbastanza larghe. Possono indossare qualsiasi cosa.

Potete leggere tutte le novità di Milano-Sanremo in questa pagina!

Colbrelli, Ballerini e il Trentino sono malati. Nibali (appena guarito dal Covid) e Viviani (febbre in settimana) solo “a metà”. Li rende cupi in Italia per le possibilità di un’altra vittoria casalinga a Milano-Sanremo, la prima dopo Nibali nel 2018. Buone come ‘zero’, zero, zero, secondo alcuni punti vendita. L’innesco di questo pessimismo clamoroso è il risultato delle ultime Strade Bianche: un ‘azzurro’ (Simone Petilli, 9°) solo tra i primi dieci, due (Lorenzo Rota, 13°) tra i primi quindici. K** con le pere, così sarà. A meno che… Filippo Ganna non si riveli l’eroe della nazione. Uno status che ha già acquisito come cronometro e corridore. “Ma io voglio essere più di questo”, sembra determinato. “La marcatura in un monumento classico è ora il passo successivo”. Milano-Sanremo gli offre un’ottima prima occasione. “La gara che mi affascinava guardare in televisione da bambino e da adolescente. E che una volta mi sono visto vincere nei miei sogni.

Come farà a gestirlo, ti sentiamo pensare ad alta voce. Hai ragione. Per Ganna, l’elenco pulito dei risultati ottenuti finora in un giorno di lavoro e rispettivamente 161esimo, 114esimo, 74esimo e 64esimo, sembra tutt’altro che ovvio per Ganna. Soprattutto contro il “super duo” Tadej Pogacar-Wout van Aert. E persino. L’anno scorso, Ganna ha ucciso una manciata di velocisti pericolosi sul Poggio come battistrada per i suoi compagni di squadra Ineos con il suo ritmo estenuante. Un’azione che gli è costata anche la vita e dove c’è da chiedersi se non avrebbe risparmiato le energie per un attacco tagliente in salita o in discesa verso Sanremo. Un ragionamento che ha spazzato via con le parole: “Sono stato un po’ male nell’ultima fase della Tirreno-Adriatico. Questo spiega questa tattica di squadra e il mio ruolo in essa.

READ  Attivisti per il clima colorano di nero la fontana di Piazza di Spagna a Roma | All'estero

Filippo Ganna durante il Tirreno.
Filippo Ganna durante il Tirreno. © PhotoNews

Come Cancellara

Anche Ganna si sentiva febbricitante all’inizio di questa settimana: unisciti al club (bronchite). Ma dai 39,7 gradi di domenica sera e dai 38,5 di lunedì, è tornata rapidamente alla temperatura corporea normale. “Ovviamente non era l’ideale. Ma posso respirare di nuovo normalmente. E le mie condizioni fisiche e mentali non hanno sofferto troppo. Ganna ha gli occhi puntati su questa Milano-Sanremo, ci sta lavorando da molto tempo. Anche per questo ha scelto la Tirreno-Adriatico “last minute” come ultima preparazione per la Parigi-Nizza.

Quello che deve assolutamente evitare è che porti a un attacco indiscriminato, pensa. Per poter battere Pogacar e Van Aert sarà necessario un sofisticato piano tattico. È una sorpresa sufficiente. L’anticipazione è un’opzione. Ganna arrampica bene, combinando potenza e velocità con uno stile di corsa aggressivo. “Wout e Tadej seguono queste brevi salite esplosive come Cipressa e Poggio, in linea di principio non posso. Invece ho visto da vicino Pogacar: anche lui ha due braccia e due gambe. E come me, non vola, va in bicicletta e può avere una brutta giornata o scegliere un brutto momento. Partiamo tutti da Milano e finiamo a Sanremo. Sembra banale, ma è vero.

Un’altra possibilità è un errore in ritardo sul suo Jasper Stuyvens. Prologo nel profondo del finale. “Mmm. O come Fabian Cancellara nel 2008. Mi piace. Lasciare la Cipressa mi sembra troppo presto, mancano 20-25 chilometri. arco. Quindi devi essere davvero forte. E dopo il Poggio, credo sia troppo tardi. (ride) Potrei volere ogni genere di cose, ma sfortunatamente non ho una sfera di cristallo per prevedere lo scenario perfetto. Milano-Sanremo è così imprevedibile. Quindi carpe diem, direi. Posso vederlo adesso.

READ  era stato contagiato dalla moglie in India mentre viaggiava per adottare una bambina

Parigi-Roubaix, Torre Gialla e record mondiale dell’ora

Se domani alla Milano-Sanremo non dovesse funzionare, la Parigi-Roubaix darà a Ganna un’altra possibilità di gloria eterna e classica tra quattro settimane. Anche la maglia gialla del Tour (legata alla vittoria nella cronometro preliminare di Copenaghen) è nella sua wish list di quest’anno. E… il record dell’ora mondiale di Victor Campenaerts (55.089 km). Potrebbe essere qualcosa prima della fine di agosto, inizio settembre. “A patto che esco dal Tour fisicamente e mentalmente. Il record mondiale dell’ora non lascia spazio all’improvvisazione, tutto deve essere perfetto, non sono ammessi errori. Stiamo ancora cercando il velodromo più adatto al livello del mare, ma la pista svizzera Grenchen ci sembra la più veloce in questo momento.

Sei il più grande esperto di ciclismo del paese? Gioca con il Classici d’oro per avere la possibilità di vincere 5.000€ e innumerevoli premi.


Guarda e/o ascolta il secondo episodio di ‘Wuyts & Boonen’ su HLN.be e tutti i servizi di streaming:



Leggi anche:

Michel Wuyts delibera e pesa le favorite Milan-Sanremo: ‘Sono un po’ deluso per le sette che iniziano gli Emirati Arabi Uniti’

La tua guida Milano-Sanremo: qual è il percorso? Quali top player dovremmo cercare? Da quando possiamo guardare in diretta su VTM?

LAPRESSE
© LAPRESSE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *