Studio sulla lungodegenza: “CIZ ha elaborato 7000 richieste in modo incompleto o errato”

Studio sulla lungodegenza: “CIZ ha elaborato 7000 richieste in modo incompleto o errato”

Le richieste di persone che necessitano di lungodegenza per malattia o disturbo cronico devono essere valutate dal CIZ e dare un’indicazione. Senza questa indicazione, questa cura non può essere concessa. Ogni anno vengono depositate 150.000 domande, che variano da 20.000 euro a 100.000 euro per cartella di cura. Chi non riceve un’indicazione non può acquistare le cure necessarie. Al contrario, le persone potrebbero essere state erroneamente assegnate alle cure.

“La causa è l’alto carico di lavoro e gli obiettivi che i dipendenti hanno”, spiega Anouk Kootstra di Investico nel NOS Radio 1 Journaal. Quando nel 2015 è stato introdotto il Long-Term Care Act, l’intento era che i dipendenti CIZ facessero sempre una visita a domicilio per le richieste. A causa di questo carico di lavoro, i casi vengono sempre più valutati sulla base di brevi conversazioni telefoniche. Kootstra afferma che i dipendenti CIZ non hanno una laurea in medicina o una formazione medica, sebbene le domande spesso comportino problemi medici complessi.

Il CIZ riconosce di aver omesso il 10% di domande incomplete nella sua relazione annuale. “Ogni anno, elaboriamo quasi 150.000 domande ai sensi del Long Term Care Act. E a volte le cose vanno male. Se questo è il caso, lo rettificheremo per quanto possibile. CIZ risponde sul suo sito web.

READ  Perché il consiglio del medico "esagerare" fa bene alla salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *