Taiwan: le nostre esportazioni di chip potrebbero essere influenzate dalle leggi sui chip negli Stati Uniti e in Europa – IT – News

Il governo taiwanese avverte che l’export di tecnologia e chip in particolare potrebbe risentire della legislazione sui chip in vigore negli Stati Uniti e in Europa o che non è ancora entrata in vigore.

Tsai Yu-tai, capo delle statistiche presso la direzione generale del bilancio, della contabilità e delle statistiche di Taiwan, afferma che la legislazione influenzerà direttamente e indirettamente le esportazioni delle “industrie critiche di Taiwan”. scrive Bloomberg. Parla dell ‘”incertezza di queste leggi” e che influenzerà le esportazioni di Taiwan. La portata di queste conseguenze non è specificata.

Ciò riguarda non solo l’American Chips and Science Act, approvato negli Stati Uniti ad agosto, ma anche il Legge sulle pulci dell’UE. La scorsa settimana è stato raggiunto un accordo su questa normativa europea, anche se il Parlamento europeo deve ancora esaminarla l’anno prossimo. Le due leggi offrono, tra le altre cose, sussidi e agevolazioni fiscali per stimolare l’industria dei chip e incoraggiare i produttori a iniziare a produrre chip negli Stati Uniti e in Europa.

Taiwan teme che ciò influirà in particolare su TSMC. Il Paese si sta preparando per le proprie agevolazioni fiscali, ma secondo Tsai quei piani non sono ancora completi. All’inizio di questo mese, Taiwan si è già offerta di ampliare le agevolazioni fiscali esistenti per le aziende che investono in tecnologia e ricerca e sviluppo. Con questo, Taiwan spera di rafforzare la propria industria dei semiconduttori. TSMC sta anche lavorando su a fabbrica di chip negli Stati Uniti.

READ  Schiphol limita anche il numero di viaggiatori durante le vacanze autunnali | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *