tasse annullate in queste regioni e automobilisti felici

Registrati a Registro pubblico delle automobili (PRA) presuppone l’applicabilità della clausola di redditività economica allo Stato per il Tasse automobilistiche. Ogni anno milioni di automobilisti sono chiamati a rispettare quella che è considerata, oltre ogni ragionevole dubbio, la tassa più odiata in assoluto.

Dato che lo Stato vanta l’onore di ricevere circa 7 miliardi di euro di immatricolazioni, molti italiani stanno scoprendo come ottenerliesenzione dalla tassa automobilistica senza incorrere in materia di illegalità finanziaria. Alcune regioni, infatti, hanno organizzato le proprie decisioni in maniera autonoma tra rinvii e cancellazioni che consentono più spazio per respirare. Ecco la situazione attuale.

Bollo gratuito: dove e come ottenerlo subito per evitare di pagare la fastidiosa tassa

Attualmente, una delle poche regioni in cui è valida la clausola di separazione dei costi è l’Emilia-Romagna per quanto riguarda i veicoli della categoria ibrida. In altre realtà, il tagli alle tasse automobilistiche possono anche rivolgersi a elettrico. Ma se risiedi all’interno dei confini della Regione, puoi beneficiare dell’abbonamento triennale gratuito presentando domanda spontanea dopo l’acquisto di un veicolo il cui carico fiscale non supera i 191 euro annui.

Inoltre, come già accennato, è possibile tornare al rinvio senza indugio nel caso in cui possiedi qualsiasi tipo di veicolo immatricolato nelle seguenti realtà locali. Esenzioni temporanee si applicano nei termini e con le modalità indicate nell’elenco seguente.

Rinnovo immatricolazioni senza sanzioni: aggiornamento disposizioni regionali

  • Lombardia – Sospensione 8 marzo – 30 settembre, limite di pagamento entro 31 ottobre 2020.
  • Campania – Sospensione 1 giugno – 31 agosto, limite di pagamento entro il 30 settembre 2020.
  • Abruzzo, Marche, Calabria, Liguria e Valle D’asta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento limitato da 31 luglio.
  • Piemonte – sospensione fino al 31 maggio 2020, pagamento entro 15 luglio 2020.
  • Sicilia – sospensione 8 marzo – 2 novembre, pagamento entro 30 dicembre 2020.
  • Provincia Autonoma di Trenta – sospensione fino al 31 ottobre 2020, pagamento entro 30 novembre.
  • Lazio, Toscana, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Provincia Autonoma di Bolzano – proroga di pagamento dovuta a 30 giugno 2020.
  • Calabria, Liguria e Valle d’Aosta – sospensione fino al 30 giugno, pagamento da parte di 31 luglio 2020.
  • Puglia, Umbria, Molise, Basilicata e Sardegna – nessuna proroga di pagamento.
READ  LVMH fa marcia indietro: salta l'acquisizione di Tiffany da parte del gruppo Arnault - Moda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *