Thymen Arensman sbaglia di poco la vittoria in una difficile tappa di montagna al Giro | bicicletta

Arensman e Hirt l’hanno trasformata in un corpo a corpo nella fase finale della difficilissima tappa di montagna, che ha causato un campo di battaglia nel gruppo. L’olandese ha dovuto far passare di poco avanti l’avversario sui fianchi della penultima salita, il Valcio di Santo Cristina.

“Fisicamente mi sento bene, ma mentalmente sono ancora molto deluso. Mi sarebbe piaciuto restituire questa vittoria di tappa a tutti i membri della squadra”, ha detto il 22enne ciclista del DSM Team Eurosport† “Purtroppo non era così.”

spaccatura

Arensman ha superato il leader tedesco Lennard Kämna nei tratti ripidi della terza lunga salita sulla strada per Aprica con Hirt. “Ho quindi provato a rompere Hirt oltrepassando il confine e facendo un buco”. Tuttavia, non riuscì a liberare il ceco e attaccò a sua volta. “Sentivo di dover andare al mio ritmo e speravo di poter tornare in discesa, ma sfortunatamente”.

Il corridore DSM ha iniziato questo Giro d’Italia aiutando il leader Romain Bardet per la classifica. Tuttavia, il francese dovette ammalarsi. “Non ho alcuna ambizione in classifica”, ha detto Arensman, che è salito al dodicesimo posto assoluto. “Speriamo di avere lo spazio per attaccare e ci sarà ancora successo”.

Mostruoso

Una mostruosa tappa di montagna ha atteso oggi il gruppo, con il famigerato Mortirolo come clou. La domanda preliminare era: Bouwman potrebbe difendere la sua maglia azzurra da montagna contro Guilio Ciccone? E Carapaz ha mantenuto la sua maglia rosa da leader?

Riflessioni a monte, certo, perché in realtà spesso le cose accadono diversamente. Non è stata una sorpresa che si sia presentato un gruppo di fronte. Mathieu van de Poel, ovviamente, ha ricominciato, dopo di che sono seguiti molti altri olandesi: Wout Poels, Arensman, Wilco Kelderman e Bouwman, tra gli altri.

Koen Bouwman ha tenuto testa oggi in montagna.

Koen Bouwman ha tenuto testa oggi in montagna.

Bouwman primo in vetta al Mortirolo

Arrivati ​​al Mortirolo, Bouwman sembrava passare una buona giornata, così come Arensman e Poels. Con loro c’erano anche Alejandro Valverde, Kämna, Jan Hirt e Hugh Carthy nel restante gruppo di testa. Chris Hamilton e Ciccone si sono appoggiati a questo.

READ  Novak Djokovic, "L'Australian Border Force indaga su possibili false dichiarazioni di viaggio"

Bouwman è stato il primo ad emergere con la sua maglia da montagna sul mitico Mortirolo rafforzando così la sua maglia azzurra. Intanto Vincenzo Nibali aveva escogitato un piano per la discesa del Mortirolo. Ha lasciato che la sua squadra di Astana aprisse la strada e poi fosse il primo in discesa. L’addio alla fine di questa stagione Squalo messinese può farlo come nessun altro.

Guarda qui come emerge prima Bouwman

Fonte: scoperta +

Pressurizzare

Il numero 7 della classifica generale ha provato a fare pressione sui favoriti. Carapaz, ad esempio, ha mai osato seguirlo, con altri 70 km ovviamente? La risposta è stata sì, dato che Carapaz e compagni sono già riusciti a catturare Nibali in discesa.

Tuttavia, i favoriti erano così indietro rispetto ai primi che il gruppo di testa di 7 uomini (con Arensman, Poels e Bouwman) sembrava decidere chi avrebbe vinto la giornata. Bouwman, tuttavia, ha lasciato andare dopo aver assicurato i suoi punti di montagna e Kämna è volato giù per la discesa del Teglio. Dietro c’erano Valverde, Hirt, Arensman, Carthy e Poels. Quest’ultimo però ha dovuto aspettare il suo leader Mikel Landa per la penultima salita.

che lotta

Kämna si allontanò rapidamente per 50 secondi, ma a 13,5 chilometri dalla fine Arensman andò alla ricerca del tedesco. Lentamente si avvicinò.

Tra i favoriti, Landa è scappato e ha portato con sé Carapaz e Hindley. Attualmente i primi tre piloti della classifica di gara. Nel frattempo, Hirt si unisce ad Arensman, che aveva già raggiunto Kämna. L’olandese è poi volato via da solo e ha portato con sé Hirt, che è volato via lui stesso. Che lotta!

Sopravvivi agli attacchi

Arensman ha continuato a oscillare a circa 15 secondi dietro di lui, ma non è riuscito a tornare su Hirt. Con la salita dell’Aprica – 2 chilometri prima del traguardo – e 8 secondi di anticipo, Hirt non sembra più arrendersi. E si è scoperto. Arensman ha fallito in pochi secondi.

READ  Il calendario 2023 di Formula 1 prevede 24 gare, settimana avanti per il GP d'Olanda | ADESSO

Guarda il traguardo qui

Questa è la prima vittoria di tappa del WorldTour per il 31enne ceco. Quest’anno aveva già vinto una tappa e la classifica del Tour of Oman. Al Giro d’Italia, la squadra belga aveva già vinto una tappa con l’eritreo Biniam Girmay.

La maglia rosa resterà quindi in possesso di Carapaz. L’ecuadoriano di Ineos Grenadiers è sopravvissuto agli attacchi, tra gli altri, dello spagnolo Landa e dell’australiano Hindley.

Bouwman fa grandi affari per la maglia da montagna con punti sul Mortirolo

Bouwman ha difeso con successo la sua maglia azzurra nella sedicesima tappa del Giro d’Italia. Il 28enne di Jumbo-Visma è stato il primo a salire in vetta al famoso Mortirolo ea finire nella classifica della montagna. Bouwman ha 167 punti, 68 in più dell’italiano Giulio Ciccone e 75 in più dello spagnolo Diego Rosa. “Ho delle buone gambe, ma puntare alla vittoria di tappa non è realistico al momento e questa maglia blu lo è, quindi ci stiamo concentrando su quello”, ha detto.

“È stata dura andare in contropiede”, ha riflettuto Bouwman durante la fuga. “Durante il primo sprint in montagna sono stato sorpreso da Ciccone, anche lui veloce. Ero arrabbiato con me stesso. In valle siamo riusciti ad andare in gruppo e così ho potuto prendere tutti i punti sul Mortirolo. Non vincerai la partita lì, ma è bello sentire tutti gridare il tuo nome”.

Bouwman ha lasciato correre il gruppo di testa prima della salita finale. “Anche se non ero al limite, non mi restava abbastanza per lottare per la vittoria di tappa. Quindi ho deciso di prendermela comoda fino alla fine.

Il ciclista è arrivato 25esimo a quasi 17 minuti dal vincitore di tappa Hirt. Nella diciassettesima tappa di mercoledì da Ponte di Legno a Lavarone ci sono ancora tanti punti da conquistare con il Valico del Vetriolo e il Monte Rovere, due salite di prima categoria.

READ  "Quindi devi chiamare di nuovo quegli undici."

Evenepoel vince la prima tappa del Giro di Norvegia

Remco Evenepoel ha vinto la prima tappa del Giro di Norvegia. Il 22enne belga di Quick Step – Alpha Vinyl è stato il più veloce di un grande gruppo al traguardo in salita dopo 173,6 chilometri tra Mons e Voss. Ha battuto il norvegese Tobias Halland Johannessen e lo spagnolo Eduard Prades. Mike Teunissen è arrivato ottavo.

Evenepoel, la cui ultima gara è stata la classica Liegi-Bastogne-Liegi che ha vinto dopo una solitaria, è anche il primo leader del Giro di Norvegia. La corsa a tappe in Norvegia ha sei tappe e dura fino a domenica.

maglia di leader

Richard Carapaz ha mantenuto uno stretto vantaggio in classifica sul suo primo inseguitore Jai Hindley dopo la difficile tappa. L’australiano è arrivato terzo e ha impiegato quattro secondi bonus con i quali si è avvicinato a chi indossava la maglia rosa dell’Ecuador a 3 secondi.

Carapaz era comunque soddisfatto. “Pensavo di vincere lo sprint per il terzo posto. Non è stato così, ma è comunque una buona giornata per me”, ha detto il leader di Ineos Grenadiers. “Ho perso qualche secondo su Hindley, ma ho guadagnato di più su João Almeida, quindi il bilancio è positivo”.

Anche Hindley è stato contento del tempo risparmiato, anche se non è stato possibile staccare davvero da Carapaz e dagli altri piloti della classifica generale durante la tappa. “Mi sono sentito abbastanza bene sulla salita finale”, ha detto il ciclista di Bora-hangrohe. “Mikel Landa ha attaccato e sono riuscito a seguirlo. Poi ho anche provato un paio di volte, ma non sono riuscito a liberare Landa e Carapaz. Penso che si possa dire che è stata una buona giornata per me. Ho dei secondi bonus e un po’ di tempo gli altri piloti della classifica generale. Mi sento ancora alla grande, non vedo l’ora che arrivi il giorno successivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.