Tonali, capolavoro milanese per un centrocampista mozzafiato. Strategie dell’Inter

Sandro Tonali è un capolavoro di Milano, soprattutto nei tempi. L ‘Inter Era in netto vantaggio fino a martedì, ma il club rossonero ha lavorato dietro le quinte, ha recuperato, abbattuto, superato. Nelle ultime ore l’Inter ha annunciato il ritiro definitivo, ma il Milan aveva già rapporti altissimi. E nelle prossime ore, quasi sicuramente domani, incontrerà Beppe Bozzo per gli accordi salariali finali, probabilmente cinque anni da 2,5 milioni di dollari a stagione. Con il Brescia c’era già una convenzione per un totale compreso tra i 35 ei 38 milioni, il diritto o l’obbligo in questa fase cambia poco. Semplicemente perché se spendi 10 milioni di dollari in prestito, hai deciso automaticamente di programmare il buyout, vero o falso, e perché stai parlando di un talento di rampa di lancio come Tonali. L’Inter che ha cambiato idea non sta diminuendo, anzi nobilita il tempismo perfetto dei rossoneri. L’Inter ha altri obiettivi: chiuderà Kolarov, si avvicinerà Vidal e ci vorrà un centrocampista alto che – come già detto – è nei sogni di Conte N’Golo Kanté, il favorito sin dai tempi del Chelsea, senza tralasciare Ndombele e Thomas che, tuttavia, non hanno la stessa continuità e affidabilità di Kanté. Ma per fare acquisti bisogna arrendersi e ci riferiamo al diverso Gagliardini, Vicino di casa, infine Brozovic. E l’Inter ovviamente vuole giocare così, senza fretta, per un accordo totale raggiunto lunedì scorso con Conte. Anche se Tonali è ancora Tonali …

Foto: Twitter @Vivoazzurro

READ  Coronavirus, 20mila contagi in Spagna in 7 giorni. Parigi: maschere da esterno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *