Top VVD perde il controllo, e adesso?

Top VVD perde il controllo, e adesso?

Cosa funziona ancora in VVD? E chi tra i suoi stessi sostenitori non è arrabbiato? Gli imprenditori si lamentano divulgati i piani di potere d’acquisto del gabinetto Rutte IV, per cui le aziende, a quanto pare, dovranno ora pagare più tasse sugli utili. Autisti locali trovano inaccettabile che il governo nazionale li obblighi ad accogliere i richiedenti asilo. E cosa è successo alla mozione contro i piani di azoto del ministro VVD Christianne van der Wal, adottato in un congresso VVD nel mese di giugno? I membri VVD non lo vedono.

Quello che vedono i membri locali del VVD: ministri del proprio partito che propongono progetti che i loro elettori non vogliono e che anche loro impongono con forza. Van der Wal minaccia di dominare le province se non riusciranno a ridurre le emissioni di azoto nella loro regione. Loro minacciato prima espropriare gli agricoltori nelle zone ad alta emissione se non vogliono licenziarsi volontariamente. Il segretario di Stato per l’asilo Eric van der Burg, anche lui membro del VVD, sta lavorando a una legge che obbliga i comuni a designare posti per i richiedenti asilo. C’è qualcosa di liberale in questo?

Il partito di Mark Rutte ha perso seggi nei sondaggi dalla primavera – attualmente si ritiene che ne rimangano circa 26 su 34. Anche la sua popolarità tra i membri del VVD è in calo, è uscito alla fine di giugno ricerca di Uno oggi. E dal congresso che ha vinto la mozione azoto, con stupore della direzione del partito, c’è stata agitazione tra i membri. Ci sono “lettere di fuoco” dei ministeri, c’era a partito forzato VVD In merito alla politica d’asilo, il candidato alla presidenza voluto dall’ufficio del partito, Onno Hoes, riceve forti critiche e non sembra uscirne.

READ  Tesla Model Y RWD vs. Volkswagen ID 5 Pro 174 cv

Potenza mediana

Questo non è affatto d’accordo con il VVD come partito al centro del potere, dalla prima vittoria elettorale di Rutte nel 2010. Per anni ha saputo tenere sotto controllo l’immagine del suo stesso partito e del suo stesso popolo, grazie al continuo scrutinio degli elettori, alle astute campagne elettorali e alla disciplina della fazione della Camera dei Rappresentanti. Tutto per rimanere al centro del potere.

Alla serata sull’asilo del VVD a Driebergen, il deputato Ruben Brekelmans ha affrontato membri preoccupati che sono stufi del fatto che il VVD sembri cedere continuamente agli altri partiti della coalizione. Bevendo un caffè, si sono lamentati di D66, che ritengono essere responsabile di Rutte IV.

Brekelmans e Van der Burg erano venuti ad ascoltare i membri, ma per lo più parlavano molto da soli. Secondo Brekelmans, è tutt’altro che certo che anche la coercizione effettiva sarà introdotta nella legge – sebbene non volesse “impegnarsi in una discussione semantica su pressione o coercizione o altro”. . Ha detto: “Come è successo ora, un consiglio comunale non vuole e il governo centrale dice che un luogo di accoglienza sarà in questo edificio … Posso almeno dire che è qualcosa che non voglio non”.

Ma è certo che ci sarà l’interferenza del governo. L’intenzione è, ha affermato Brekelmans, che ciascuna regione “contribuisca” alla ricerca di un posto da parte di ucraini, richiedenti asilo e rifugiati riconosciuti. “È una coercizione”, ha insistito l’Assessore Paul Slettenhaar di Castricum. “Quindi sii onesto al riguardo.”

Troppo morbido o ghiacciato

Molti membri del VVD che erano venuti a Driebergen erano scontenti degli accordi di asilo del gabinetto: secondo loro non erano abbastanza severi. Il giorno successivo, mercoledì, il deputato Daan de Neef si è dimesso all’Aia. Ha trovato agghiacciante la gestione della crisi dell’asilo da parte del VVD. Si trattava ancora una volta di una situazione scomoda per il VVD: il partito è quindi troppo tenero agli occhi di molti iscritti, ma troppo duro secondo chi per anni ha contribuito con idee al corso del partito – De Neef è stato redattore del discorso e consigliere di Rutte. Secondo i membri del VVD, la sua partenza è stata inaspettata, poco prima di un’ulteriore riunione di gruppo sul potere d’acquisto, tra le altre cose.

READ  Patente per il popolare cambio automatico: 'Perché complicarlo?'

Cosa gioca un ruolo nella perdita del controllo dei vertici del VVD: l’incertezza sulla dirigenza. A quasi ogni esibizione pubblica, a Rutte ora viene chiesto cosa farà dopo la politica, come se fosse quasi allora. “Sono ancora nel bel mezzo di questo lavoro”, ha detto giovedì durante una sessione live di Instagram, quando doveva ancora spiegarsi. Ha ripreso il suo lavoro volontario come insegnante di scienze sociali. Lo trova utile, dice. “Non tornerò al lavoro e non farò nulla in politica”.

Ma non è ancora chiaro chi riuscirà a succedere a Rutte se un giorno si fermerà. E non come: da un’elezione del capogruppo con propri dibattiti e campagne? Nel 2006, con Mark Rutte e Rita Verdonk in quanto candidati principali, ciò ha portato a un conflitto prolungato e quasi a una scissione all’interno del VVD.

Sembra certo che il nuovo presidente del partito dovrà trovare l’approccio migliore. I candidati alla presidenza di questo partito sono tre: l’ex sindaco Onno Hoes, la cui commissione per l’integrità del VVD sta attualmente verificando se può essere anche lobbista per gli agenti immobiliari, l’imprenditore Eric Wetzels di Oosterhout e Bert Homan di Assen, che ha già presentato domanda diverse volte e che si ritiene non abbia alcuna possibilità.

Hoes è il candidato preferito del consiglio di amministrazione di VVD, ma Eric Wetzels sembra avere molto più sostegno tra i membri. Promette che con lui come presidente, il vertice del VVD ascolterà con più attenzione le preoccupazioni e le idee dei suoi stessi sostenitori. I membri del VVD possono votare da metà settembre, il nuovo presidente entrerà in carica in autunno.

READ  Euro95 in sempre più distributori di benzina a meno di 2 euro: qui si paga meno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *