“Troppi tamponi inutili. Bisogna toglierli alla fine dell’isolamento”

Fabrizio Pregliasco, direttore medico dell’Istituto Ortopedico Irccs Galeazzi, Associato di Igiene Generale e Applicata dell’Università degli Studi di Milano e membro anche del CTS Lombardia, cosa ne pensa di questo tampone “psicotico”?

«Se è vero che le indicazioni del mondo scientifico erano se hai un genitore fragile, prendi un campione prima di Natale, hanno portato a un uso esagerato dell’uso del test con la conseguenza che i meccanismi di monitoraggio sono entrati in crisi . . e la situazione si fa allarmante”.

Al momento, quello che è stato osservato è che la variante Omicron sembra essere molto più contagiosa, ma anche molto meno patogena della Delta…

«È vero, tanto che i vaccinati stanno decisamente bene, se sono contagiati sono asintomatici, ma il rischio con questi positivi è che presto saremo tutti in quarantena. Per i vaccinati invece si potrebbe cambiare l’isolamento delle regole”.

Come? “O” Cosa?

“Eliminando la fine del blocco di quarantena, per esempio.”

È anche vero che se gli italiani l’anno scorso hanno fatto di tutto per evitare il tampone, ora che sono diventati coscienziosi e che lo stanno facendo, gli viene detto che sono in preda all’isteria collettiva. ..

“Sì, ma è anche vero che dopo la donazione di Natale, fatta solo per sentirsi liberi di andare a fare festa, ora stiamo aspettando il round di donazioni di Capodanno. È chiaro, però, che fare tanti test rischia di far collassare il sistema e mettere in quarantena l’intero Paese».

D’altra parte, nelle ultime settimane abbiamo assistito a un’esplosione di casi nelle scuole primarie.

“Il virus attacca sicuramente la fascia non immunitaria e il Delta, e ancor di più la variante Omicron, colpisce maggiormente i bambini. Ma c’è anche un problema con il modo in cui vengono utilizzati i tamponi … “

READ  Il ciclista olandese Fabio Jakobsen è in gravi condizioni dopo un incidente al Giro di Polonia

In quale modo?

“I tamponi antigenici fai da te danno il 30% di falsi negativi, soprattutto se asintomatici, quelli presi in farmacia hanno un margine di errore inferiore perché eseguiti professionalmente. C’è poi il tema del lasso di tempo in cui si viene messi alla prova dopo un contatto. Quello che voglio dire è che il francobollo serve da lasciapassare per andare in vacanza, ma non dovrebbe essere così».

Hai previsto un picco di infezioni, fino a 100.000 al giorno da metà gennaio, ritorno a scuola e vacanze.

“Sarà devastante e il sistema rischia di crollare, poiché anche i vaccinati vengono nuovamente infettati”.

Come viene contenuto il contagio?

“Penso che le regole di quarantena per le persone che sono state vaccinate dovrebbero essere cambiate e le restrizioni aumentate, anche se temo che i cittadini non lo accetteranno, ma più cercheremo di contenere la diffusione del contagio, più velocemente lo conterremo. questo onda “.

Che previsioni stai facendo?

“Qui rischiamo tutti di finire in lockdown e paralizzare il Paese. L’altro modo potrebbe essere quello di tamponare solo i sintomi, ma per farlo abbiamo bisogno di 2/3 mesi di attesa per la nuova variante. Oppure come è stato fatto in Germania con i risultati che abbiamo visto, pensate ai confinamenti per i non vaccinati e a un sistema di chiusure chirurgiche per le classi primarie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *