Trump vs Biden: lo sprint finale

UNA A 56 giorni Dal fatidico 3 novembre delle elezioni americane, il confronto Trump-Biden ha iniziato a intensificarsi.

La data tradizionalmente considerata come un precursore delle fasi finali più intense della corsa presidenziale, Festa dei lavoratori, infatti, ha ripreso il suo ruolo simbolico. I due candidati hanno passato le ultime ore nei più intensi tentativi di mobilitazione dell’elettorato, prendendosi di mira a vicenda con toni più aspri del solito.

Il presidente uscente Donald Trump, attualmente oppresso, insiste questioni razziali cercando di mantenere il sostegno nel Midwest e nel sud. Martedì dovrebbe essere in Florida e nella Carolina del Sud.

Mentre Joe Biden è entrato in una nuova fase di “campagna di persona” con a sosta in pennsylvania, si è impegnato a difendere un vantaggio sostanziale nei sondaggi. Un vantaggio che secondo gli esperti è uno dei più importanti mai registrati nelle gare a due.

Trump vs Biden: lo sprint finale

Secondo la tradizione, il Labor Day sembra essere simbolico ‘inizio’ a una gara che entra nella sua fase finale.

Trump continua a utilizzare il casa Bianca come tappa della campagna elettorale, sperando che i suoi attacchi sempre al vertice finiscano per mettere alle strette il suo rivale.

D’altra parte, Biden spera di rendere le elezioni in qualche modo referendum sul personaggio di Trump, lasciando in parte che le parole e le azioni dell’attuale presidente parlino da sole.

Poi c’è il cruciale scenario del Wisconsin, il luogo delle recenti rivolte razziali a seguito della sparatoria della polizia che ha costretto Jacob Blake su una sedia a rotelle. Da questo punto di vista non è un caso che entrambi stiano inviando sul territorio figure del proprio personale; pochi giorni fa, il senatore democratico scelto da Biden come vicepresidente, Kamala harris, ha incontrato la famiglia di Blake.

READ  Charles De Gaulle ha spiegato ai millennial

Sullo sfondo, poi, a pandemia che cambia l’esistenza degli americani, e che ha anche cambiato radicalmente i piani e le traiettorie dei due candidati in questa gara finale.

La natura stessa del voto è cambiata, portando a recenti affermazioni di Trump “Voto truccato”. Il magnate ha sottolineato l’elevato rischio che gli elettori votino due volte e la possibilità che nessun vincitore emerga dalle urne del 3 novembre (o almeno non riconosca lui stesso i risultati delle elezioni).

Il nodo del vaccino

L’eventuale arrivo di un vaccino a breve termine avrà un peso specifico significativo. Trump insiste sul fatto che una preparazione efficace e definitiva sarà disponibile per tutti gli americani entro novembre:

“Il vaccino arriverà in brevissimo tempo; potremmo averlo anche durante il mese di ottobre “

ha detto qualche giorno fa.

Parole che alcuni dei massimi esperti del settore medico ritengono suscitino probabilmente una rapida approvazione, qualcosa che Biden stesso ha sottolineato, molto più cauto in materia.

Quest’ultimo infatti ha solo precisato di voler valutare le parole di tutti gli scienziati, consigliando il lavoro che procede. certezze granitiche, non di fretta.

Biden interrompe immediatamente un file 8 punti percentuali di vantaggio secondo la media dei sondaggi nazionali. Ma molti indicano la possibilità che Trump vinca una vittoria al Collegio Elettorale come ha fatto nel 2016, rimodellando la trama.

Sul fronte economico, Trump ne ha definito uno spesa pubblicitaria ammontava a poco più di $ 50 milioni a settembre, mentre Biden ha messo insieme un budget di $ 70 milioni, ha recentemente aumentato le cifre di spesa per il mese in Florida, Pennsylvania, Michigan, Minnesota e Wisconsin.

READ  Elezioni americane, ecco l'ultimo sondaggio: chi vince?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *