Tutti gli abbracci felici?  “La televisione dà una cattiva immagine della sindrome di Down”

Tutti gli abbracci felici? “La televisione dà una cattiva immagine della sindrome di Down”

Ci aveva pensato prima, afferma Lars Duursma, coach della comunicazione e creatore di podcast, presso RTL Nieuws. Questa settimana ha deciso di attirare l’attenzione su di esso nel suo podcast multimediale e in un thread personale. Cinguettio.

La causa immediata è stata un commento che il presentatore Gordon Heuckeroth ha fatto come ospite all’Op1. Tra le altre cose, gli è stato chiesto di promuovere la nuova stagione di Down the Road, che andrà in onda su SBS6 entro la fine dell’anno.

Al tavolo di discussione, ha detto: “Se solo fossimo tutti un po’ depressi, il mondo sarebbe un posto molto migliore.

‘Giù non è divertente’

Quando gli è stato chiesto cosa intendesse con questo, Gordon ha aggiunto: “La sincerità, l’onestà, la purezza, l’amore, il puro essere umano senza pregiudizi”.

Il commento cadde completamente su Lars Duursma. “Il mondo certamente non starebbe meglio se tutti avessimo un po’ di dolore. È un limite, che non è affatto una buona cosa da avere.”

Duursma l’ha visto da vicino per la maggior parte della sua vita. “Il mio fratellino Jesper ha trascorso il primo anno di vita quasi esclusivamente in ospedale. Ha problemi cardiaci. Successivamente ha avuto anche depressione e cancro ai testicoli. Tutte cose che vediamo più spesso nelle persone Down”.

E continua: “Le persone rappresentate nei programmi sono – diciamo – la Champions League. Intelligenti, facili da capire. Spesso gli spettatori li trovano molto commoventi: guarda che bella gente con i Down”.

Non vedi persone che non possono parlare, non sono pulite, hanno grossi problemi comportamentali o sono bloccate al livello di pensiero di un bambino di due anni, ha scritto Duursma su Twitter.

Tesori televisivi

Down with Johnny, Upside Down, Down for Dummies e quindi Down the Road, un intero elenco di titoli apparsi negli ultimi anni sulla televisione olandese, in cui i giovani con la sindrome di Down sono solitamente i protagonisti. “Sono dei veri beniamini della TV.”

READ  Nonna orgogliosa: la principessa Beatrice è stata avvistata di nuovo con una borsa con la foto delle nipoti | Affiggere

Per i genitori di persone con sindrome di Down, molti di questi programmi sono decisamente conflittuali: “In televisione, vedono costantemente persone che fanno ogni genere di cose che i loro figli non potrebbero mai fare. Fa male. E dal punto di vista ambientale, commenti come: Sei fortunato ad avere una tale bellezza nella tua famiglia”.

Ridere?

I suoi stessi genitori guardano consapevolmente, ma per niente: “Perché tanti programmi sulla sindrome di Down e molto meno su altre persone con disabilità intellettive? A volte possiamo ridere di più delle persone con sindrome di Down, si chiedono. loro per tutta la vita: cosa succede a nostro figlio quando non possiamo più prenderci cura di lui?”

Jesper non appartiene a quella “Champions League” che di solito vedi in TV: “Mio fratello è super simpatico e pratico in molti modi. Può fare FaceTime, per esempio. E inviare candidature, anche se a volte devi decifrare cosa intende esattamente. Ma puramente “Guardando il suo QI, non è così intelligente. Ha bisogno di molto aiuto e consigli. Sa parlare, ma non è facile da capire per tutti”. Lars sottolinea: “I miei genitori si prendono cura di lui con molto amore, ma è un compito pesante che grava sulle loro spalle”.

Gordon, presentatore della reazione: “L’integrità è fondamentale”

“Siamo consapevoli che ci sono lauree, anche casi molto gravi. Ed è un gruppo numeroso. Mi rendo conto che deve essere un compito difficile per i genitori quando un bambino ha bisogno di tante cure. “, ha detto il presentatore Gordon Heuckeroth interrogato sul Telefono. .

“Mi piacerebbe davvero fare un bel documentario su questo gruppo, mostrando com’è la sindrome di Down. Lo accolgo con favore. Perché non è solo pace e tranquillità”.

Il presentatore comprende quindi la critica che i vari programmi televisivi insieme forniscono un’immagine cliché unilaterale: “Il fondo è forse presentato troppo in alto. Dice del suo spettacolo Down the Road: “Non sfruttiamo le persone per l’intrattenimento, l’integrità è fondamentale. Penso che sia fantastico poter mostrare come questo gruppo può partecipare, innamorarsi, volersi sposare”.

READ  William e Kate furiosi: Harry nei guai

Tutto un po’ basso?

Il programma le sta a cuore, dice Gordon: “Nella nuova stagione, Daphne dice ai suoi genitori che ha deciso di non avere figli. Perché vede – dice – quello che lei stessa ‘ha fatto ai suoi genitori’. Questo tipo di Trovo utile visualizzare i dilemmi”.

Sul suo commento “tutti erano solo un po’ depressi”, Gordon dice: “Se vedi la band nel mio programma: onesta, sincera e sì, anche felice…allora penso che la società sia degradante, ma io no. disturbo loro a tutti. Questo è quello che intendevo. Infine, ridendo: “Questo gruppo mi dà più amore di quello che ho ricevuto durante un anno di cammino ad Amsterdam.”

SBS sottolinea anche le buone intenzioni in una risposta, dicendo: “Down the Road ruota attorno a giovani con sindrome di Down che, ognuno a modo suo, affrontano temi come l’avventura, l’amicizia, l’amore e le nuove esperienze”.

“Deve essere comprensibile”

Regina Lamberts è direttrice della Down Syndrome Foundation. “Spesso riceviamo richieste di aiuto per trovare persone su cui fare uno show televisivo. Quindi il requisito è invariabilmente: devono essere in grado di parlare in modo comprensibile. E preferibilmente anche essere in grado di rispondere bene alle domande”.

Ma poi molte persone si arrendono. Lamberts: “Circa l’80% ha difficoltà ad articolare oa trovare le parole, o entrambe le cose.”

Che sia a causa di programmi televisivi “unilaterali” o meno, riconosce certamente che esiste una cattiva immagine delle persone con sindrome di Down. “Questi bambini con sindrome di Down sono sempre così allegri, sentiamo spesso. Quindi penso: sì, arrivederci!”

E può sicuramente essere fastidioso per i genitori: “Se hai un figlio che non rientra nel quadro, passi tutto il giorno a spiegargli che la tua realtà è diversa.

Tutti diversi

Continua: “Semplicemente non esiste una ‘persona con la sindrome di Down’.

READ  Oroscopo Branko - domani lunedì 7 dicembre 2020 - Progressi per tutti i segni

Hanno tutti una disabilità e tutti hanno bisogno di una guida, dice Lamberts. Ma “va da poco a 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e tutto il resto”.

Qualche migliaio di like, centinaia di retweet e tante reazioni di approvazione da parte di genitori e caregiver: la storia di Lars Duursma da sola sembra non bastare.

onesto è meglio

“Come madre di un bellissimo ragazzo con sindrome di Down con un livello molto basso, mi imbatto spesso in questa immagine dipinta in modo errato, risponde qualcuno su Twitter. “Un’immagine più giusta sarebbe migliore per le persone con sindrome di Down e per i loro caregiver.

Un altro scrive: “Nel campo professionale, li ho visti andare e venire: le persone appassionate che amano lavorare con persone con sindrome di Down. Bere caffè insieme e coccolarsi tanto. Fino a quando non conoscono l’altro 99%.

Nessuna cattiva volontà

Quindi Duursma allenta le cose. Tiene a sottolineare: “Penso che le persone che fanno tali emissioni non lo facciano con malagrazia. Vogliono sinceramente fare un bello spettacolo. Ma l’immagine ingannevolmente cliché creata da tutti questi spettacoli messi insieme è davvero dannosa.

Fa il paragone: “Supponi di voler conoscere la comunità cinese nei Paesi Bassi. Li conosci se hai visto cinque spettacoli su famiglie cinesi che hanno tutte il loro ristorante orientale? O pensi che tutti i cinesi nei Paesi Bassi ciao nemico yong hai si stiano preparando?”

Niente cabine

Quindi niente più senso della realtà, per favore, questo è il suo messaggio. E ancora: “Come creatori di programmi, sappiate che è vostra responsabilità dipingere un quadro corretto”.

Regina Lamberts aggiunge: “Come società abbiamo un grande bisogno di classificare tutto e tutti. Ma le persone sono diverse e va bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *