Caratteri piccoli: il prezzo massimo non si applica sempre a 1200 metri cubi di gas

Caratteri piccoli: il prezzo massimo non si applica sempre a 1200 metri cubi di gas

Ciò è confermato dal Ministero dell’Economia e delle Politiche climatiche dopo le domande di RTL Nieuws.

Diviso in due periodi

Questo è il risultato di un complicato metodo di calcolo che il ministero ha ideato per garantire che il price cap sia implementato nel modo giusto.

Il price cap, infatti, sembra essere diviso in due periodi. Uno prima della dichiarazione annuale e uno dopo. Questi periodi sono diversi per ognuno, perché generalmente ricevi la tua dichiarazione annuale il giorno dell’anno in cui hai concluso il contratto.

I 1.200 metri cubi di gas che scendono al di sotto del prezzo massimo sono distribuiti giornalmente nell’arco dell’anno secondo un modello di calcolo che tiene conto del fatto che le famiglie consumano di più in inverno che in estate.

E questo è importante. Perché nella tua dichiarazione annuale, il fornitore di energia può addebitare la tariffa ridotta solo per il numero di metri cubi o chilowattora (kWh) che ti è stato consentito di utilizzare fino a quel giorno a seconda del modello. Quello che non hai usato, perdi. Ciò che hai utilizzato in aggiunta, lo paghi al prezzo del tuo contratto.

Sotto il soffitto, ma paga il prezzo intero

Un esempio può renderlo più chiaro. Supponiamo che tu riceva la tua dichiarazione annuale il 28 aprile. Nel periodo dal 1 gennaio al 27 aprile si possono acquistare al massimo 647 metri cubi di gas e 1074 kWh di energia elettrica sotto il prezzo massimo.

Una famiglia che in questo periodo ha consumato 800 metri cubi di gas e 1300 chilowattora di elettricità dovrà poi pagare 153 metri cubi e 226 kWh a tariffe di mercato molto elevate. Pertanto, anche se in quel momento sono ancora al di sotto dei limiti di consumo per un anno intero, devono già pagare una parte del loro consumo per prezzi superiori al massimale.

READ  Errore nel vaccino a Empoli: Astrazeneca e dosi non moderne negli anni Trenta - Cronaca

Per il resto dell’anno restano sotto price cap 1826 chilowattora e 553 metri cubi di gas. Se questa stessa famiglia decide da quel momento di essere più frugale e finisce per avere un consumo annuo di esattamente 1200 mc e 2900 chilowattora, allora ha comunque pagato una parte (153 mc e 226 chilowattora) a tariffa alta. Su tutto l’anno non ricevono 1200 m3 di gas agevolato, ma solo 1047. E solo 2674 chilowattora di elettricità rientrano nel tetto invece dei 2900 promessi.

Nel video qui sotto, spieghiamo come funzionano i massimali di prezzo:

E viceversa, funziona esattamente allo stesso modo. Una famiglia che nel periodo precedente la bolletta annuale è stata più economica di quanto previsto dal modello di calcolo non può riportare al resto dell’anno i metri cubi non utilizzati. Ad esempio, questa famiglia ha consumato solo 400 metri cubi fino al 27 aprile compreso. A quel punto scadranno 247 metri cubi di gas al di sotto del cap price.

Primavera frugale penalizzata

Se questa famiglia inizia a bruciare un po’ di più durante l’anno e finisce per consumare esattamente 1200 metri cubi per tutto il 2023, dovrà comunque prelevare i 247 metri cubi che non sono stati consumati prima che la bolletta annua scenda al prezzo di mercato. Nonostante il fatto che ancora una volta il consumo annuo non superi il limite comunicato da mesi.

Quando verrai sovvenzionato per il numero massimo di metri cubi e chilowattora promesso? Solo se consumi più del modello di calcolo prescritto, prima e dopo la tua dichiarazione annuale, o se sei esattamente nella media.

Secondo il Ministero dell’Economia, la suddivisione dell’anno nella fattura finale è necessaria per motivi contabili.

READ  il piano vaccinale si ferma nel Lazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *