“Twitter ha deliberatamente chiuso alcune app di terze parti dall’API” – IT – News

La chiusura di app di terze parti che utilizzano l’API di Twitter è stata un’azione deliberata. Lo si evince dalla comunicazione interna dell’azienda. Uno degli sviluppatori lo ha dimostrato modificando le chiavi API, dopodiché l’app ha funzionato di nuovo brevemente.

Notifica di tweetbot dopo l’arresto di Twitter

Poiché l’app funzionava solo con chiavi API modificate, si può dedurre che l’API stessa funziona ancora, ma l’accesso è stato chiuso per alcune app, afferma lo sviluppatore di Tweetbot. Molte delle applicazioni più note che funzionano con l’API di Twitter lo sono offline da venerdì.

La natura intenzionale della chiusura emerge dalla comunicazione interna informazioni visto. Il sito scrive che i rapporti sono apparsi sul server Slack dell’azienda venerdì mattina, ora degli Stati Uniti, secondo cui non si trattava di un malfunzionamento, ma di un arresto dell’accesso all’API. Secondo i rapporti, Twitter sta lavorando a un elenco di “punti di discussione approvati” per gli sviluppatori, ma finora non c’è stata alcuna comunicazione.

Oltre ai rapporti Tweetbot Twitterifico che l’applicazione non può connettersi a Twitter, proprio come Applicazione Talone per Android. Twitter una volta dava libero accesso all’API, ma circa un decennio fa che finì. Twitter guadagna poco o niente dagli utenti di client di terze parti, in parte perché alcune app non visualizzano annunci.

READ  Gli addetti alle consegne in flash infrangono le regole ed eludono gli obblighi, afferma l'ispettore del lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *