Un altro cavo ha danneggiato nuovamente il radiotelescopio di Arecibo

Come se il file primo danno che ha avuto luogo in agosto, il Radiotelescopio di Arecibo ha subito un secondo danneggiamento a causa di un secondo cavo che si è rotto e ha colpito la struttura. Il compromesso è quindi ulteriormente aggravato, rendendo le riparazioni più complesse e costose.

Immagine dell’incidente dell’agosto 2020

Altri problemi al radiotelescopio di Arecibo

Uno dei cavi principali della struttura si è allentato la sera del 6 novembre 2020, il secondo come riportato dalla University of Central Florida. Come hanno sottolineato i presenti sulla scena, l’interruzione è stata causata in modo diverso rispetto ad agosto.

In precedenza, infatti, si trattava di un cavo ausiliario che si è sganciato dalle staffe a causa del terremoto verificatosi in quelle ore. In questo caso, però, il cavo si è rotto ed è caduto in rovina sul riflettore del Radiotelescopio di Arecibo. Ciò ovviamente ha comportato ulteriori danni sia all’antenna stessa che ad altri cavi.

Per fortuna nessuno di quelli della zona è rimasto ferito. D’ora in poi, però, il radiotelescopio è accessibile solo al personale strettamente necessario perché potrebbero esserci nuovi guasti (la struttura è in fase di stabilizzazione). Non ci sono informazioni sulle cause di questo nuovo problema su Radiotelescopio di Arecibo ma una possibilità è che l’aumento del carico sulle strutture rimanenti abbia peggiorato la situazione.

Francisco Cordova (direttore dell’osservatorio) ha detto “Siamo stati attenti nella nostra valutazione e abbiamo dato priorità alla sicurezza quando abbiamo pianificato le riparazioni che dovevano iniziare martedì.. […] Non va bene, ma restiamo impegnati a riportare la struttura online. È uno strumento troppo importante per il progresso della scienza “.

READ  SECONDA ONDA di contagi, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarlo. Ecco come »ILMETEO.it

Gli esperti operanti nel sito hanno effettuato le valutazioni (in particolare con telecamere e droni) necessarie per consentire la rimessa in servizio del radiotelescopio. Le prossime tappe saranno quindi lavori temporanei che precederanno le fasi finali nei mesi a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *