Un altro sondaggio di Elon Musk: “Dovrei smettere di gestire Twitter?”  |  Tecnologia

Un altro sondaggio di Elon Musk: “Dovrei smettere di gestire Twitter?” | Tecnologia

Un altro sondaggio di Elon Musk: “Dovrei smettere di gestire Twitter?”  |  Tecnologia

Elon Musk ha pubblicato un altro sondaggio su Twitter domenica sera. Questa volta chiede se deve dimettersi dalla carica di CEO di Twitter. Il proprietario della piattaforma di social media prende spesso decisioni importanti in base ai propri sondaggi. Più di un’ora dopo, Musk ha scritto su Twitter: “Come si suol dire, fai attenzione a ciò che desideri, potresti ottenerlo”.

Nel suo tweet, Musk promette che rispetterà il risultato del sondaggio. Ha fatto lo stesso con le dichiarazioni precedenti. Ad esempio, Musk ha venduto 5 miliardi di dollari (4,4 miliardi di euro) di azioni della sua società Tesla a novembre dopo aver chiesto ai suoi seguaci se doveva vendere il 10% delle sue azioni. La maggioranza (57,9%) ha votato sì.

Il sondaggio su Musk che rimane al timone di Twitter è andato in diretta alle 12:20 e scadrà dopo le 12:00. Entro i primi quindici minuti dalla pubblicazione del sondaggio da parte di Musk, un milione di utenti di Twitter aveva già votato.

Da quando Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari all’inizio di quest’anno, ha ricevuto molte critiche. Ad esempio, ha recentemente sospeso diversi giornalisti che lavorano, tra l’altro, per Cnn e Il New York Times. Musk ha sostenuto che stavano mettendo in pericolo la sicurezza della sua famiglia scrivendo, a volte indirettamente, sulla posizione del suo aereo. Ha ripristinato gli account dopo aver pubblicato anche un sondaggio su Twitter su di loro. In esso, ha chiesto agli utenti se dovesse revocare la sospensione ora o in seguito. La maggior parte degli utenti di Twitter ha optato per il primo.

READ  L'auto elettrica con roulotte spesso è troppo pesante per la tua patente: puoi farcela | Vacanze

Le sospensioni sono state comunque oggetto di pesanti critiche su Twitter a livello internazionale. Il capo delle Nazioni Unite, António Guterres, ad esempio, si è detto “profondamente preoccupato”. Reporters sans frontières (Rsf), un’organizzazione dedicata alla libertà di stampa, ha parlato di “una minaccia alla democrazia”. E anche i media e diversi paesi hanno condannato questa decisione.

Inoltre, domenica è emersa la notizia che gli utenti di Twitter non sono più autorizzati a collegarsi ai propri profili su altre piattaforme di social media come Mastodon, Facebook e Instagram. Ora è vietato anche un riferimento che non contenga un collegamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *