Un cliente che ha reso i profumi “invendibili” recupera comunque 476 euro

Un cliente che ha reso i profumi “invendibili” recupera comunque 476 euro

Un drugstore di Amsterdam deve rimborsare a un cliente il prezzo di acquisto (più di 476 euro) di due flaconi di profumo che ha acquistato tramite il sito web del drugstore. Il fatto che abbia aperto i profumi per testarli non è, secondo il giudice del tribunale distrettuale, motivo per cui non gli è stato permesso di restituire i flaconi.

Il cliente ha acquistato entrambe le bottiglie il 24 maggio 2022. Due giorni dopo, ha chiesto di restituirle e ottenere un rimborso. Ha mandato le bottiglie. Sono arrivati ​​in farmacia il 1 giugno. Ha annunciato una settimana dopo che non erano stati accettati poiché erano già stati aperti e utilizzati. Ciò avrebbe reso le bottiglie invendibili.

Uno o due tiri

Il cliente ha quindi inviato un sollecito. Quando la farmacia ancora non è riuscita a pagare, ha citato in giudizio l’azienda. Il cliente afferma di avere il diritto di aprire le boccette di profumo e testare uno o due tiri per scoprire che odore avevano.

I termini e le condizioni affermavano chiaramente che le bottiglie di profumo non potevano essere aperte. Tuttavia, il tribunale sub-distrettuale ritiene che i consumatori siano “in linea di principio” autorizzati a farlo. Un’eccezione può essere fatta solo per motivi igienici per prodotti come biancheria intima, rossetto o spazzolini da denti. Il tribunale subdistrettuale non ritiene che il profumo rientri in questo.

Il consumatore non è inoltre responsabile dell’ammortamento se il prodotto è stato utilizzato per determinarne la natura e le caratteristiche. Il verdetto. “Nelle circostanze date, può comportare la spruzzatura del profumo una o più volte, come ha fatto anche il querelante. Nessun altro uso è stato addotto o dimostrato”.

READ  Dior, Caro Bag: quanto costa?

Secondo l’alta corte, la farmacia avrebbe potuto impedire l’apertura dei flaconi inviando, ad esempio, dei tester. Questo può essere “consigliabile, soprattutto con profumi più costosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *