Un compleanno italiano in periferia

Un compleanno italiano in periferia

Durante 50° anniversario da un amico in un bar della città costiera Il quarto a sud di Genova il traffico all’esterno non si fermava mai veramente, il ronzio costante delle auto e degli scooter che passavano superava persino il rumore della tempesta in mare. legno che potrebbe facilmente danneggiare la carrozzeria della tua auto se parcheggi dal lato sbagliato della strada.

I disordini si intensificano

Basta aggiungerlo all’elenco sempre crescente di cose che mi preoccupano dell’Italia. E Genova è ancora più unica in questo senso rispetto, per esempio, a Roma e Firenze, città in cui ho vissuto prima. Il livello di agitazione presente qui sembra più alto che altrove. Forse andrà peggio a Milano, ma non lo saprò mai, la vita è piuttosto costosa e non credo di potermi permettere il Milan.

Qui è severamente vietato fare feste nei bagni

Dato che era un posto “economico”, è popolare per le feste di compleanno. E così ho avuto il piacere di vedere un gruppo di dodicenni occupare l’unico lungo tavolo sul retro. Locali di questo tipo di solito consistono in un lungo bancone dove sei schiacciato tra gli altri baristi e dove dietro la cucina e i bagni un po’ squallidi ci sono due o tre stanze piene del tipo di tavoli che trovi in ​​campeggio nelle attese e lì i genitori avevano messo via tutto ciò che superava i limiti di decibel legali.

L’altro compleanno

https://www.youtube.com/watch?v=fStMSUIwtSA

Puoi anche qui collegamento al filmato se il tuo dispositivo non vuole leggere iframe.

READ  L'Italia non ha bisogno del piano Ue per risparmiare il 15% sul gas - Italgas

L’invecchiamento in Italia

Nonostante il rumore del quartiere, ci sediamo attorno a uno dei tavoli. Nel nostro gruppo, la maggior parte dei quali si conosce da anni, la conversazione si sposta rapidamente sull’invecchiamento. Le persone sembrano essere ossessionate dal proprio corpo e non invecchiare o diventare brutte. Man mano che la conversazione procede, le voci si alzano e le persone sembrano innervosirsi. Lo sentiamo subito, il volume delle voci è alto, come se dovessero dominare la stanza, parlano velocemente come se corressero per raggiungerlo.

Gli altri, non partecipando alla conversazione, diventano sempre più silenziosi e stanchi man mano che i risultati che hanno chiaramente raggiunto vengono spiegati in dettaglio. Alla fine della serata, siamo tutti iscritti a un corso di kickboxing francese da un ragazzo con doppi piercing all’orecchio e tatuaggi sul braccio destro. Gli chiedo se ha mai provato la meditazione e dice che trova molti sbocchi in palestra.

Il verbo impaurire

Carichi rabbia e frustrazione in palestra, quindi la parola è usata regolarmente in quel contesto, il che mi fa chiedere se le palestre non siano solo piene di persone oppresse e arrabbiate. Il verbo “scaricare” è usato anche in altri contesti negativi come, ma non solo, scaricare una ragazza o un fidanzato. Significa semplicemente “scaricare” o “scaricare” la persona, come un’app sul telefono. Come se tutto in questa vita dovesse essere scaricabile.

Non era un ragazzo molto simpatico, questo kickboxer, e presto mi è dispiaciuto per la sua ragazza relativamente nuova con cui ha passato molto tempo a scambiarsi baci virtuali sull’altra sua app. Nel frattempo, continua a fare domande imbarazzanti alla timida giovane cameriera che ignora ostinatamente i suoi patetici tentativi di intavolare una conversazione, senza mai uscire dal personaggio e dirgli che non sono affari suoi.

READ  Giocatori di baseball olandesi eliminati dopo una dolorosa sconfitta contro l'Italia

condividere denaro

Alla fine della serata, il conto di 70 euro è condiviso da 5 persone. Faccio fatica a credere che per questo prezzo 6 persone possano mangiare, bere e stare insieme circa 4 ore, (la persona che compie gli anni non deve pagare) e i due uomini sono in testa alla fila prestiti con i loro portafogli, anche se tutti pagano esattamente lo stesso importo. Ricevo anche una banconota da 5 euro, che regalo di nascosto alla giovane cameriera che, secondo me, se la meritava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *