Una bambina di otto anni in Germania è stata rinchiusa nella sua casa per la maggior parte della sua vita |  ADESSO

Una bambina di otto anni in Germania è stata rinchiusa nella sua casa per la maggior parte della sua vita | ADESSO

Una bambina di otto anni in Germania è stata rinchiusa nella sua casa per la maggior parte della sua vita |  ADESSO

Una bambina di otto anni ha trascorso gran parte della sua vita rinchiusa nella casa dei nonni nel villaggio tedesco di Attendorn. È stata trovata dai servizi di protezione dell’infanzia e dalla polizia durante una perquisizione della casa dopo segnalazioni anonime.

Il bambino non è mai stato fuori dall’età di un anno e mezzo, scrive il emittente tedesca WDR. Tuttavia, sa leggere e scrivere. Ha difficoltà a camminare per mancanza di esercizio. Sua madre non ha permesso alla ragazza di andare a scuola o di giocare con altri bambini.

È stata avviata un’indagine. La ragazza non mostra segni di maltrattamento o malnutrizione. Non si sa perché al bambino non è stato permesso di avere contatti con il mondo esterno. Né la madre né i nonni significano nulla. Tutti sono accusati di privazione della libertà.

I vicini affermano anche di non aver mai saputo che un bambino abitasse in casa. La ragazza è stata affidata a una famiglia affidataria e, date le circostanze, sta bene.

La madre voleva la piena custodia della figlia

La madre della bambina aveva informato i servizi sociali che si sarebbe trasferita in Italia. Il padre viveva separato dalla famiglia. Quando le autorità italiane hanno detto che madre e figlia non sarebbero rimaste nel Paese, l’Agenzia tedesca per la protezione dell’infanzia ha lanciato l’allarme.

Secondo quanto riferito, la madre del bambino ha detto al padre che si erano trasferiti in Italia, ma invece vivevano con i nonni. La madre ha tentato più volte di ottenere la piena custodia della ragazza, ma il tribunale ha deciso che entrambi i genitori avevano diritto alla genitorialità.

READ  Juventus, Sarri: "La Lega ci ha messo in difficoltà, contro la Roma con l'U23" | notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *