Una catena di dentisti paga un riscatto di 2 milioni di euro ai criminali dopo un attacco informatico

Un portavoce dell’azienda non confermerà a RTL Nieuws che i milioni sono stati pagati, ma affermano fonti Da Volkskrant sapere che il denaro è stato trasferito. “Non posso dire nulla al riguardo, è quello che ci è stato consigliato di fare”, ha detto il portavoce.

Il sito web dell’azienda afferma che l’azienda ha stretto accordi con gli aggressori informatici a beneficio dei pazienti. “Ci consentono di riaprire le nostre porte in tempi relativamente brevi, da mercoledì, in un ambiente sicuro”.

Pratiche chiuse

Colosseum Dental Benelux è una grande azienda con oltre 130 filiali in Belgio e nei Paesi Bassi. La società è nota per aver denunciato la questione alla polizia e aver informato l’Autorità olandese per la protezione dei dati (AP). La catena dentale lo ha confermato in precedenza dopo le domande di RTL Z.

A causa dell’attacco informatico, gli studi dentistici nei Paesi Bassi hanno chiuso i battenti. L’azienda ha dovuto mettere offline tutti i sistemi per limitare il più possibile i danni, si legge sul sito web. ‘Su consiglio di esperti, i nostri sistemi sono stati messi offline per lavori di indagine e riparazione. Per questo i nostri studi non sono stati più aperti da mercoledì.

Stiamo lavorando per riaprire tutte le pratiche. “Funzionerà per alcuni oggi, altri si spera riapriranno domani”, ha affermato la società.

READ  ecco le date del taglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.