Una Ferrari “sepolta” ritrovata da un bambino: il luogo è insospettabile

Una storia speciale arriva dagli Stati Uniti: la scoperta di una Ferrari da parte di un bambino in un luogo davvero insolito

Ferrari Dino 246 (Ansa)

Chi non ha mai sognato di trovarne uno dal nulla Ferrari? Questa è l’incredibile storia che è successa a un ragazzo americano che forse non si è nemmeno reso conto di cosa ha portato alla luce. La storia di Dino 246 GTS Verde viene dagli Stati Uniti ed è un passo nel passato. Siamo a ovest di Atene, in California, nel 1978: un bambino è nel giardino di casa sua e intende giocare mentre scava il terreno. Scava, scava, ecco una sorpresa: la Ferrari sepolta sottoterra.

Cosa stava facendo lì? Il mistero è iniziato qualche anno prima quando un idraulico, il signor Rosendo Cruz, ha regalato a sua moglie una Ferrari. La stessa del 1974, quando la coppia lasciò un luogo dove erano andati a festeggiare l’anniversario, non è mai stata ritrovata. Cruz denunciò il furto anche se i racconti dell’epoca parlano anche di una messa in scena per intascare i soldi dell’assicurazione.

LEGGI ANCHE >>> Una delle Ferrari più potenti per Mario Balotelli: il primato del modello

Bambino trova la Ferrari: la storia è incredibile

Questo traguardo fu coronato da successo poiché, nonostante gli sforzi della polizia, della Ferrari non si sapeva nulla. Almeno fino al 1978 quando un bambino la trovò sepolta nel giardino di casa sua. La notizia è stata subito data al legittimo proprietario della supercar: cruz non volle però saperne di più su questa vettura che poi finì con la compagnia di assicurazioni che la mise in vendita.

READ  Football Leaks: quando il Real Madrid ha voluto offrire ad Amazon il suo database di 600 milioni di abbonati | All'estero

Attualmente il Ferrari passò nelle mani di Brad Howard che lo pagò novemila dollari e affidò i lavori di restauro a Giuseppe capalonga. Sicuramente una storia molto particolare che arriva da anni passati proprio come notizia del ritrovamento nei luoghi meno immaginabili di supercar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.