Brutta sorpresa per chi pensava di beneficiare degli 8.000 euro del bonus mobile

Fisco Oggi è la rivista dell’Agenzia delle Entrate e di recente ha rilasciato una precisazione che potrebbe sorprendere chi ha trattato con troppa facilità l’accesso al bonus mobile.

Proviamo a capirci meglio. Il bonus mobile è uno dei bonus più popolari e utilizzati di questo periodo covid. I bonus sono stati progettati per aumentare la spesa che era diventata senza vita dopo la pandemia. E il bonus mobile ha colpito nel segno. Avere uno sconto anche del 50% sull’acquisto di mobili fino a 16.000 euro è davvero un’occasione da non perdere. Sarebbe assurdo lasciarlo andare. È vero che i soldi promessi dal bonus non sono immediatamente disponibili ma spalmati su dieci anni di detrazioni fiscali personali, ma si tratta comunque di una cifra significativa che ha un impatto notevole sulle famiglie.

Una domanda decisiva

Ma bisogna capire bene la normativa e sottolinea la rivista ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Infatti questo bonus, che ha il suo tetto di 8.000 euro, ha una condizione. Vale a dire che l’acquisto di mobili è legato ad un’operazione di recupero o ammodernamento dell’immobile cui sono destinati. Quindi ci deve essere l’acquisto di mobili ma anche questo ammodernamento dell’edificio. Ed ecco la domanda che alcuni potrebbero aver trascurato. Purtroppo è scappato anche il signore che ha scritto alla rivista e al quale purtroppo è stato detto che non avrebbe avuto diritto alla detrazione. È tutta una questione di tempo. In questo caso specifico c’è stata la sostituzione di una caldaia e l’acquisto di mobili. La sostituzione della caldaia era stata accettata dai periti dell’agenzia come intervento di recupero.

READ  Cashback: termina il primo semestre. Questo è quando i soldi del rimborso arriveranno sul conto

Leggi anche: Perché la Cina e un giornale britannico definiscono i videogiochi una pandemia?

Il problema, però, è che i mobili sono stati acquistati prima della sostituzione. Pertanto, la rivista ha chiarito che i mobili devono essere acquistati dopo i lavori di recupero, altrimenti la detrazione non può esistere.

Leggi anche: L’eredità di Pelé è scioccante: è ancora il re.

È importante per chi vuole usufruire di questo bonus che l’acquisto dei mobili è successivo ai lavori di recupero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *