Una piccola parte della popolazione si arroga il diritto di separare la colpa dall’innocenza, e nel farlo non tollera alcuna contraddizione.

Mark Elchardus è Professore Emerito di Sociologia presso la Libera Università di Bruxelles (VUB). Il suo contributo compare ogni due settimane, in alternanza con Vincent Stuer.

Marco Elcardo

Chiunque abbia creduto di vedere oscenità nel Pride non può dirlo senza violare i “diritti liberali fondamentali” (secondo il professor Wouter Duyck su Twitter). Sembra un modo ridicolo per dire che non sei d’accordo con qualcuno su ciò che è osceno.

Dopo l’incidente con la bandiera arcobaleno allo Xaverius College Borgerhout suggerisce Jurgen Slembrouck attenzione che tale attivismo non è il modo più strategico per promuovere i diritti dell’arcobaleno. Ne è stato accusato una falange di laureati† Considerano la sua argomentazione “non innocente” e dicono che vuole screditare la lotta per l’uguaglianza. La sua stessa affermazione non attira l’attenzione. Le accuse hanno lo scopo di presentare Slembrouck come qualcuno che è dalla parte colpevole dell’umanità.

Dopo che Tom Van Groet ha tenuto una conferenza per lungo tempo al KU Leuven, dozzine di studiosi e studenti hanno risposto chiedendo il suo bando dal campus (DS 26/5). Tutte queste forme di intolleranza nell’arco di tre o quattro giorni di sole a maggio. Se lo segui ancora per un po’, puoi riempirne un libro deprimente e allarmante.

Un piccolo segmento della popolazione rivendica il diritto di separare il senso di colpa dall’innocenza, il bene dal male, e non tollera alcuna contraddizione nel farlo. Queste sono persone che si comportano come inquisitori: la loro verità è la verità. Si proteggono dalle critiche attribuendole a disordini: islamofobia, xenofobia, omofobia, transfobia… Un’opinione diversa dalla propria viola un diritto fondamentale e indica la malattia o il peccato.

READ  Allerta meteo della Protezione civile per Capodanno: tanta neve in Liguria e Pianura Padana, maltempo [MAPPE]

Vietato vietare

Ci vuole un po’ per abituarsi per qualcuno della mia età. I miei anni da studente sono stati dominati dal “no ban”, che in seguito ho capito fosse un po’ forzato. Ma un mondo in cui i laureati sono in prima linea nel condannare e mettere al bando in nome del liberalismo e del progressismo? Non la mia tazza di tè

Non è la prima volta che succede una cosa del genere. Un movimento di inversione con un impatto relativamente ampio sulla nostra civiltà si è verificato nel quarto e quinto secolo, durante il passaggio dal paganesimo al cristianesimo. I Gentili, imparavamo a scuola, “si pentivano”. Mai. Furono oppressi e gli ostinati furono liquidati. Le statue che adoravano furono prelevate dai loro piedistalli. Coloro che ancora copiavano testi pagani avevano le mani mozzate.

Quindi c’è progresso. Chiunque oggi si opponga alla fede ufficiale vedrà solo la sua carriera interrotta. San Basilio, di cui conserviamo con orgoglio le vertebre a Bruges, ha voluto valutare il passato alla luce del presente e sottoporre tutti i testi pagani al crogiolo della nuova morale cristiana. Ha funzionato solo in parte. Per fortuna, altrimenti la rinascita sarebbe stata impossibile.

Basilius è tornato, nelle vesti di innumerevoli professori, assistenti e dottorandi. Dividono l’umanità in eletti e condannati. I pittori cristiani l’hanno spesso raffigurato, da un lato gli eletti che salgono alla luce, dall’altro i gemiti e contorcendosi condannati a scendere nelle tenebre, nell’inferno e negli anni ’30. Nel cristianesimo, questo pensiero repressivo è sopravvissuto, specialmente nel puritanesimo. Ecco perché ora soffia dall’America.

Il mondo impostoci dagli eletti è noioso: i buoni da una parte e i cattivi dall’altra. Nessun romanziere si preoccuperebbe di questo. Le persone interessanti sono buone e cattive, ed è proprio per questo che sono affascinanti. Il razzista che quasi da solo, inizialmente con poco più del suo talento per la retorica, resistette ai nazisti si chiamava Churchill. Il primo ministro britannico Boris Johnson era furioso per il fatto che il suo idolo Churchill fosse accusato di razzismo, dimenticando che un razzista può salvare il mondo proprio come un proprietario di schiavi può stabilire la democrazia. Churchill e Jefferson meritano la loro statua. Viviamo tutti nell’ombra, tanto quanto nella luce del nostro passato. Ciò vale ancor più per le comunità che per gli individui.

Questa idea è stata incorporata in un’istituzione: la democrazia. Di fatto un modo per non vivere più con buoni e cattivi, ma semplicemente con persone che differiscono tra loro su ciò che è desiderabile e ciò che è indesiderabile. Questo può quindi essere discusso attraverso la libertà di parola e il dibattito, si possono cercare compromessi e alla fine si può concordare qualcosa su cui la maggioranza può essere d’accordo. Questo grande atteggiamento è ora sostituito da una società divisa tra i giusti e i reprobi. I liberali non parlano più nemmeno di democrazia ma della tirannia della maggioranza. Gli eletti sono infatti una minoranza la cui tirannia presuppone l’immaturità della maggioranza.

Anche Sisifo se ne sarebbe stancato. Dal primo movimento di cancellazione, tutto ricomincia, all’incirca ogni mezzo secolo. Allora sì compagni, ancora in ascesa, controcorrente, per ragione e libertà, per dibattito, compromesso e maggioranza. È necessario, scriveva Albert Camus, immaginare Sisifo come un uomo felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.