Una vita più sana? Guarda il tuo lavoro.

Chiedete alle persone per strada come definiscono “essere sani” e spesso sentirete una forma della “vecchia” definizione di salute in cui l’assenza di malattie è fondamentale. Alcuni lo integrano con giudizi di valore su ciò che costituisce uno stile di vita sano. Certamente avere un lavoro (dignitoso) non è spesso menzionato.

Boyd Thijssens, presidente della NVAB

Tuttavia, nella definizione positiva di salute di Huber, “la capacità delle persone di far fronte alle sfide fisiche, emotive e sociali della vita e di raggiungere quanta più autodeterminazione possibile”, ora adottata dai professionisti, il contesto lavorativo è un luogo importante da dove viene questa capacità. Oppure può morire per un lavoro inappropriato o addirittura malsano.

L’importanza del lavoro è evidente anche quando guardiamo ai determinanti della salute (determinantsofhealth.org). Le cure mediche riguardano solo l’11% della nostra salute. Oltre ai fattori genetici (22%), sono soprattutto i fattori ambientali (7%), i fattori comportamentali (36%) ei fattori sociali (24%) a determinare la salute di una persona. Quel lavoro è ora un luogo ideale per influenzare questi ultimi tre fattori.

Smetti di fumare, fai abbastanza esercizio fisico e mangia sano. Ma pensa anche al tuo lavoro.

Il fatto che la partecipazione al lavoro sia così importante per la salute di una persona è evidente anche dagli studi del team di Lex Burdorf.1.2 Iniziare con un lavoro retribuito ha dato alle persone nel loro studio un enorme miglioramento della salute mentale e fisica, costi sanitari ridotti, un senso di maggiore autocontrollo sulla vita con più apprezzamento e più felicità sperimentata. .

Eppure il lavoro non è sempre salutare. Ogni anno nei Paesi Bassi muoiono ancora circa quattromila persone per disturbi legati al lavoro e metà dell’assenteismo è legato alle condizioni di lavoro di una persona. L’Associazione olandese per la medicina del lavoro e del lavoro si è posta il compito di fare qualcosa al riguardo: “Nessuno dovrebbe ammalarsi a causa del lavoro, e nessuno che sia ancora in grado e disposto a lavorare dovrebbe essere messo da parte per malattia. Proprio perché il lavoro può contribuire tanto alla salute di qualcuno. In qualità di medico del lavoro, non sono quindi i farmaci, ma le modalità di lavoro che prescrivo.

READ  diminuiscono le infezioni, ma i ricoveri rimangono allarmanti

In un momento in cui viviamo più a lungo, lavoriamo più a lungo e affrontiamo sempre più la vita con uno o più disturbi, sarebbe bello se ogni persona per strada potesse dire che la propria salute è fortemente influenzata dal proprio stile di vita. Quindi sì, non fumare, fare abbastanza esercizio e mangiare sano. Ma pensa anche al tuo lavoro. Non sopravvaluti facilmente l’importanza di questo per la tua salute.

Note a piè di pagina

1. van Rijn RM, Robroek SJ, Brouwer S, Burdorf A. Influenza della cattiva salute all’uscita dal lavoro retribuito: una revisione sistematica. Occupare Ambiente Med. 2014 ; 71(4): 295-301. doi:10.1136/oemed-2013-101591. Pubblicato online il 29 ottobre 2013. PMID: 24169931.

2. van Rijn RM, Carlier BE, Schuring M, Burdorf A. Lavoro come trattamento? L’efficacia dei programmi di reimpiego per i lavoratori disoccupati con gravi problemi di salute mentale sulla salute e sulla qualità della vita: una revisione sistematica e una meta-analisi. Occupare Ambiente Med. 2016; 73(4): 275-9. doi:10.1136/oemed-2015-103121. Pubblicato online il 6 gennaio 2016. PMID: 26740687.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.