Una vita scandita da un maremoto di rocce e acqua alto 262 metri

Una vita scandita da un maremoto di rocce e acqua alto 262 metri

“Era come se un miliardo di aerei volassero sopra di noi contemporaneamente”, dice lo scrittore italiano Mauro Corona in un colloquio sullo sfondamento della diga del -Vajont ci sono sei chilometri, sei chilometri da casa sua. Il disastro del 1963 è indissolubilmente legato al paese di Erto, nel nord Italia, dove ha sempre vissuto. A causa di un terremoto, parte del Monte Toc finì nell’alto invaso sopra un nastro di paesi. Quello che temevamo è successo. La diga si ruppe e una marea di rocce e acqua infuriò sull’area da un’altezza di 262 metri. Corona, allora tredicenne, era andato di giorno a scuola nella valle di Longarone, e l’indomani vide il paese ei suoi abitanti scomparire sotto il fango.

La vita dello scrittore italiano non è segnata solo da questo disastro. Considera anche la partenza di sua madre all’età di sei anni come una perdita insormontabile, anche se sua madre si unirà in seguito alla famiglia. Lui ei suoi due fratelli minori – quest’ultimo ancora piccolo – andarono a vivere con il padre con i suoi genitori. Questo padre interferiva a malapena con i suoi figli ea volte era a caccia per settimane. “Eravamo orfani di genitori viventi”, afferma l’autore.

In Italia, Corona (1950) è un popolare autore di romanzi e racconti che occasionalmente hanno vinto premi o sono entrati in una rosa di candidati. Inoltre, è ospite fisso di talk show dal suo home studio di Erto Caraibica di Bianca Berlinguer in cui parla di attualità. Così ha denunciato qualche settimana fa la politica dei rifugiati del governo e non capiva perché le scialuppe di salvataggio fossero state respinte a causa del maltempo durante il disastro marittimo al largo della Calabria in cui sono annegati più di 70 profughi.

Autobiografico

Estratti della sua infanzia traumatica ricorrono nel suo lavoro, che è stato tradotto in olandese solo l’anno scorso.

Come un sasso nel torrente è esemplare dello stile di Corona: aderente alla pelle dei suoi personaggi, autobiografico, allegorico, da cui scaturisce l’amore per la montagna. Non per niente è considerato un predecessore di Paolo Cognetti, che con Gli otto monti ha conquistato il mondo e, come Corona, ha scelto la montagna come sfondo per i suoi romanzi. Ci sono abbastanza somiglianze: l’escursione in montagna, l’intensa sensazione di libertà, ma anche i complicati uomini silenziosi che sembrano portare con sé il passato.

READ  il tempo in Italia. Assicurati solo di seguire i bollettini meteorologici ufficiali

Dove Cognetti trae ispirazione da scrittori americani come Henry David Thoreau (Valden) e Walt Whitman, Corona è stato plasmato dalla grande quantità di libri lasciati da sua madre: da Don Chisciotte a Dostoevskij. Entrambi ammirano anche il loro connazionale Mario Rigoni Stern (Sergente nella neve). Rigono Stern scrive delle sue esperienze come sergente dei Cacciatori alpini italiani durante l’inverno 1942-43 sul fronte orientale; un libro sul cameratismo e contro la guerra. Seguirono molti libri, facendo di lui il precursore della letteratura ambientata nelle montagne del nord-est italiano. C’è anche un premio a lui intitolato per la narrativa o la saggistica sulle Alpi.

La differenza tra Corona e Cognetti è che quest’ultimo racconta un po’ più di storia, dove Corona si chiude in se stesso (“segnato dall’esistenza”) ed esprime la sua immaginazione in modo melodrammatico.

Corona menzionato nel 2011 Come un sasso nel torrente il suo romanzo più personale fino ad oggi. Ora c’è il romanzo La vita di Celio che è ancora più personale. Ancora una volta, Corona ripercorre (i traumi della) sua giovinezza e opta per l’alter ego Celio – un “sfacciato eteronimo di Pessoan”, dice nella prefazione: una rottura con se stesso. Proprio come i bambini possono avere un ragazzo o una ragazza immaginari, Corona ha trovato un uomo adulto che poteva rimettersi in sesto e dire ciò su cui di solito tace. Insieme, scendono nell’inferno della sua giovinezza per uscirne purificati. Il libro ripercorre i quindici anni di formazione dello scrittore, e non va letto come un testamento, ha sottolineato al momento della pubblicazione – Corona voleva fare i conti con la sua infanzia traumatica, ma anche, e forse soprattutto, mostrare al mondo esterno come è diventato la persona che è. chi è adesso. La sua immagine di forte bevitore e recluso doveva essere messa da parte, anche se si atterrà alla sua immagine accuratamente costruita di un letterato hippie di montagna. Potresti definirla un’autobiografia mascherata della sua giovinezza.

È chiaro che la persona-io Mauro (Corona) assomiglia a Celio quarant’anni più di lui. Mai prima d’ora avevo letto un romanzo in cui un personaggio è così glorificato come Celio: da ‘geniale alpinista’, ‘artigiano abilissimo’ a ‘pensatore veloce’ o ‘maestro presocratico’. E va avanti per pagine. Ecco quanto è sviluppato e fantastico l’alter ego di Corona: spudorata auto-glorificazione, si potrebbe dire, ma Corona lo fa ad alto livello. Perché La vita di Celio è arguto ai suoi tempi (“lo considero un privilegio unico, una felicità notevole, essere stato al suo cospetto”) e riflessivo quando filosofeggia sull’usura della mente o sull’uomo.

Celio potrebbe essere superlativo in tutto, ma a metà l’idolo si inchina e l’uomo sembra anche essere sarcastico, ha un debole senso dell’umorismo e non è affatto loquace. Caratteristiche dello scrittore stesso che conosciamo Come un sasso nel torrente dove, come una sorta di riccio, è “sempre pronto a ferire con gli aculei del sarcasmo”.

Celio si rifiuta anche di rispondere ai “perché domande”, così il giovane Mauro non ottiene risposta alle sue domande. È inventivo il modo in cui evita queste domande sul perché e le scopre in modo indiretto. Per quello Celio non vuole dormire in tenda in montagna. Mauro indique une fois de plus à quel point on peut être bien et à l’abri dans une tente, puis la réponse suit automatiquement : Celio préfère dormir à l’air libre pour voir le danger imminent de ses propres yeux sans toile de tente entre le due. Andato ci prova, perché Celio ottiene sempre quello che vuole. A volte tornavano anche a mani vuote a causa del maltempo o della “malinconia da sbornia”, come la traduttrice Marieke van Laake tradusse originariamente la sensazione.

Un altro esempio di bella scelta di parole nella traduzione è quando Corona scrive affettuosamente del suo eroe: “Celio era un figlio di tutto il paese, aveva padri, madri, fratelli, sorelle, zii e zie per mancanza di madre”. E poi il traduttore continua: “Doveva così tanto a queste persone che un ringraziamento generale era meglio delle singole catene. Quando beveva, brindava alla comunità.

Pazzia tranquilla

Corona sicuramente salta troppo da un argomento all’altro nell’ultima parte – se ne scusa persino quando scrive: “Non posso farci niente. Questa biografia è ricca di emozioni, ricordi e fatti di un lontano passato che spuntano all’improvviso come corvi dall’erba. Quindi vuole catturarli e devono ancora essere inseriti nella storia, quindi Corona indugia troppo a lungo negli ultimi due anni e cade nelle ripetizioni.

Tocca però ancora nelle descrizioni del delirium tremens, la “calma follia” che colpì Celio poco prima della sua morte. Nelle sue delusioni, ha creato ospedali per camosci feriti, perché si rammarica di averne uccisi tanti. Come lettore, senti che la fine di questa vita inventata si sta avvicinando. Per Corona, questo è un segno che lui stesso è cresciuto, che ha abbandonato in modo convincente la sua giovinezza.

Lo scrittore ora ha 72 anni e può stare tranquillo terza Età cominciare. Lo accompagneranno moschettoni, moschettoni e martelli da roccia – per la presa necessaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *