Vaccini, in Italia, accelerano ma arrivano solo 8 milioni (su 16) dosi al mese | L’UE “militarizza” tutte le fabbriche farmaceutiche

Ad aprile sono necessari 8 milioni di vaccini, ma 16 – Alessio D’Amato, consigliere sanitario del Lazio, lancia un messaggio di allerta in vista delle prossime settimane di vaccini. Il Lazio è la regione più virtuosa da questo punto di vista ma i dati che indicano le prossime spedizioni di laboratori farmaceutici non sono incoraggianti. “Per raggiungere l’obiettivo annunciato da Draghi (500.000 vaccinazioni al giorno) servono 15 milioni di dosi al mese in Italia e 1,5 milioni nel Lazio. Sono 8 milioni, siamo a metà strada”, dice D’Amato. I presidenti Attilio Fontana (Lombardia) e Giovanni Toti (Liguria) provano a vedere il bicchiere mezzo pieno. “Abbiamo giorni decisivi davanti a noi: iniziare la massiccia campagna con i vaccini finalmente in arrivo”, ha scritto Fontana in un post su Facebook. “Siamo in una fase di intensificazione della campagna vaccinale, abbiamo aumentato la percentuale di somministrati a quelli consegnati: a meno che non ci siano ulteriori ritardi nelle consegne, che spero non si ripetano, non rallenteremo più. “, Ha aggiunto Toti.

Sileri: “A maggio avremo 16 milioni di dosi” – Dal governo, è Pierpaolo Sileri a rassicurare: “Sono già arrivate 1,3 milioni di dosi, come annunciato dal generale Figliuolo e ad aprile arriveranno sicuramente 8 milioni di vaccini con una prospettiva positiva, il che significa che Moderna e Pfizer potrebbero arrivare anche in maggiore. numeri. – assicura il sottosegretario alla Salute – a maggio ci aspettiamo più del doppio ”.

Breton: “L’UE ha creato un’organizzazione militare per controllare le fabbriche di vaccini” – E sulla produzione di vaccini arriva il messaggio incoraggiante del commissario europeo responsabile della strategia di vaccinazione anti-Covid, Thierry Breton: “Ho costituito un’organizzazione quasi militare per essere sicuro che le aziende responsabili della produzione dei vaccini vengono consegnati puntualmente e puntualmente agli Stati membri dell’Unione europea. “La task force vaccini, di cui sono responsabile a livello europeo, gestisce ora 52 stabilimenti in tutto il continente”, ha aggiunto il commissario europeo francese, ribadendo la sua promessa di consegnare “360 milioni di dosi entro la fine di giugno” e oltre 400 milioni a metà luglio e ribadendo la sua intenzione di fare dell’Europa il primo continente nella produzione di vaccini.

READ  Zona arancione Italia da oggi, regole: cosa si può fare

Draghi con i piedi per terra: “Speriamo di resuscitare” – E parla anche il presidente del Consiglio, chiamato a dare un messaggio di speranza nel giorno di Pasqua, non si lascia andare a facili ottimismi. Alla domanda se questa sarebbe stata una Pasqua di rinascita per l’Italia, Draghi ha risposto con un conciso “speriamo”. Un po ‘come tutti gli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *