Vaccini, la Danimarca blocca Johnson & Johnson

La Danimarca ha deciso di escludere il vaccino Johnson & Johnson dal programma di vaccinazione Covid. La Danimarca ha giustificato la sua decisione in merito ai gravi effetti collaterali legati alla formazione di coaguli di sangue. “L’autorità sanitaria danese ha concluso che i vantaggi dell’utilizzo del vaccino Johnson & Johnson Covid-19 non superano il rischio di causare un possibile effetto collaterale nelle persone che ricevono il vaccino”, ha sottolineato l’autorità sanitaria danese in una dichiarazione. Sia l’OMS che l’EMA hanno autorizzato il vaccino.

in attesa Gran Bretagna continua la sua corsa in Europa sul fronte dei vaccini anti-Covid e supera il traguardo dei 50 milioni di dosi somministrate, compresi oltre 15 milioni di colpi di richiamo. I dati ufficiali lo attestano quando il primo ministro Boris Johnson e il suo governo accolgono con favore questo nuovo ‘traguardo’ raggiunto, confermando l’obiettivo di garantire la copertura a tutti gli adulti over 18 residenti nel Paese con almeno una dose al massimo entro il 31 luglio. In questo contesto, il numero totale di ricoveri ospedalieri nel Regno rimane al livello più basso per mesi (meno di 1.500 finora), insieme a infezioni e morti quotidiane. Il primo annuncio del traguardo raggiunto è arrivato dallo stesso Premier Tory. “Grazie allo straordinario impegno di tutti – ha scritto Johnson sul suo profilo Twitter – 50 milioni di dosi del vaccino Covid-19 vengono ora somministrate a persone in tutto il Regno Unito. “ C’è anche una chiamata a tutti coloro che devono ancora ricevere il siero, in un Paese dove la scorsa settimana è iniziata la copertura di massa tra gli over 40. “Per favore – conclude il presidente del Consiglio – venite a farvi vaccinare quando sarete chiamati a riceverlo”.

READ  Patatine fritte | lo studio conferma | 'Fanno male

Boris Johnson si sta trattenendo dalla ripresa dei viaggi turistici all’estero dal Regno Unito, confermando l’intenzione di aprire alcuni slot dal 17 maggio, ma con cautela e rigide limitazioni per non alimentare il rischio legato alle varianti del virus e alla possibilità di reimportare i casi Covid dall’estero. “Vogliamo fare un’apertura di viaggio ‘dal 17 maggio”, ma non credo che la gente di questo paese voglia vedere un afflusso di malattie da ogni altra parte, e di certo non lo voglio “, ha detto il britannico. Il Primo Ministro Tory ha tagliato corto. Parla con i giornalisti a margine di una visita a Hartlepool, in Inghilterra, tre giorni prima delle elezioni locali di giovedì 6. Alla domanda sull’intenzione del governo di redigere una “lista verde” di paesi stranieri a basso rischio verso cui riprendere i viaggi per turismo dopo Il 17 maggio Johnson ha poi taciuto, aggiungendo che verrà fatto un annuncio “quando possibile”. E tuttavia ha insistito sul fatto che qualsiasi allentamento sarebbe arrivato con la necessità di essere “molto, molto severi” negli avvertimenti sul pericolo di importare varianti del coronavirus. Parte della maggioranza parlamentare, giornali e imprese si battono per un’accelerazione della riapertura post-serrata nel Regno; ma oggi un gruppo di parlamentari bipartisan (conservatori e laburisti) ha chiesto di rinviare qualsiasi sollievo sui viaggi all’estero: sia per motivi di sicurezza sanitaria legati alle varianti, sia per favorire il turismo interno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA