Vaccini: la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer. Von der Leyen: i produttori rispettano i patti – Mondo

La Svezia ha sospeso i pagamenti dei vaccini a Pfizer. Lo hanno riferito i media svedesi, spiegando che la sospensione è legata alla quantità di dosi che possono essere prese da ciascuna fiala dopo che la casa farmaceutica ha affermato che con particolari aghi era possibile prenderne da sei a invece di cinque, caricando la dose extra. alle forniture.
“Questo è inaccettabile. Se un paese ha solo cinque dosi, ha ricevuto meno dosi per lo stesso prezzo”, ha detto al quotidiano Dagens Nyheter il coordinatore svedese dei vaccini Richard Bergström.

Von der Leyen: i produttori di vaccini rispettano i patti – L’Unione Europea “ha investito miliardi per aiutare a sviluppare i primi vaccini contro il Covid-19. Per creare un bene comune veramente globale. E ora le aziende devono fare la loro parte. Devono onorare i loro impegni”. E ‘quanto ha affermato la Presidente della Commissione Europea, Ursula von Deer Leyen, nel suo “discorso speciale” all’Agenda 2021 di Davos. “Questo è il motivo per cui creeremo un meccanismo di trasparenza sulle esportazioni di vaccini. L’Europa è decisa a dare il proprio contributo, ma è seria “.

GB fiducioso nella fornitura di vaccini nonostante l’inasprimento dell’UE – Le forniture globali di vaccini Covid sono attualmente “limitate” dalla capacità di produzione iniziale delle aziende farmaceutiche, ma il Regno Unito – avendo progredito nel tempo – è “fiducioso” di poter ricevere le quantità concordate per le prossime settimane. Nadhim Zahawi, ministro designato ad hoc da Boris Johnson per il coordinamento della campagna di vaccinazione britannica, ha detto oggi, nonostante l’inasprimento delle esportazioni di dosi prodotte in Belgio da Pfizer minacciate dall’UE nel contesto della disputa sui ritardi nelle consegne a 27.

READ  Borsa Italiana, commento della seduta odierna (2 novembre 2020)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA