Vaccino AstraZeneca, sintomi da segnalare al medico. Nota informativa del ministero [PDF]

Per stampare

il Dipartimento di Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute ha inviato a tutti gli organi competenti l’aggiornamento della nota informativa di consenso per il vaccino anti-covid Vaxzevria preparata dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa). Dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca, quali sintomi devo segnalare immediatamente al mio medico? Questo è l’elenco contenuto nella nota informativa sul consenso aggiornata per il vaccino anti-Covid AstraZeneca Vaxzevria, redatta dall’agenzia farmaceutica italiana Aifa.

La versione della nota è stata aggiornata dopo gli ultimi eventi legati al vaccino: il farmaco, dopo la segnalazione di rari casi di trombosi dopo somministrazione, è stato consigliato in Italia agli ultrasessantenni.

“Consultare immediatamente un medico in caso di respiro sibilante, dolore al petto, gonfiore delle gambe O dolore addominale persistente dopo la vaccinazione “ raccomanda di aggiornare la nota informativa.

Il documento è stato inviato con circolare del Ministero della Salute, firmata dal Direttore Generale della Prevenzione Giovanni Rezza.

“Anche, pure – è letto – consultare immediatamente un medico se dopo alcuni giorni si manifesta un forte mal di testa o visione persistente o offuscata dopo la vaccinazione o se compaiono dopo pochi giorni lividi sulla pelle o macchie rotonde in un punto diverso dal sito di vaccinazione “.

NOTA

“I vantaggi superano i rischi”

“Il Comitato per la valutazione dei rischi per la farmacovigilanza (Prac) dell’EMA”, Agenzia europea per i medicinali, “nella riunione del 7 aprile 2021, ha concluso che i benefici di Vaxzevria nel combattere la minaccia ancora diffusa del Covid-19 (che a sua volta causa sanguinamento problemi e possono essere fatali) continuano a superare il rischio di effetti collaterali ”.

READ  "Tornare dalle vacanze per la seconda dose non è un problema dopo questa tragedia" - Corriere.it

Il documento include “coaguli di sangue spesso in siti insoliti (es. Cervello, intestino, fegato, milza), associati a bassi livelli di piastrine nel sangue”, tra gli “effetti collaterali” del vaccino definito “molto raro”, cioè , “può interessare fino a 1 persona su 10.000”.

Restano invece “il modulo di consenso alla vaccinazione Covid-19, trasmesso con la nota 12469-28 / 03/2021-DGPRE, e le note informative relative ai vaccini Comirnaty * (Pfizer / Biontech) e Covid-19 Vaccine Moderna, trasmessa con nota 12238 – 25/03/2021 “, si legge ancora nella circolare.

Per stampare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *