Vaccino Astrazeneca stop in Australia, Bruxelles: “Blocca affinché l’azienda rispetti i contratti”. Canberra: “L’UE rivede il divieto di esportazione”

La tensione sale tra Australia e l’Unione Europea dopo la decisione dell’Italia, avallata da Bruxelles, bloccare esportare da un lotto di 250mila dosi del vaccino Astrazeneca destinato al paese oceanico. E anche lì Francia, ha affermato il ministro della Salute francese Olivier Véran, potrebbe “fare lo stesso”. in attesa Bruxelles si sappia che non c’è intenzione di tornare alla decisione di blocco e così via Astrazeneca può comunque fare una nuova richiesta di fornitura Canberra, che sarà analizzato sulla base del meccanismo di controllo e trasparenza delle esportazioni. E di Unione Europea hanno fatto sapere che il blocco è un messaggio rivolto all’azienda farmaceutica, per “rispettare i contratti”.

Il premier australiano: “Capisco l’ansia dell’Italia, ma i contratti vanno onorati” – Secondo vari media stranieri, il ministro della Salute australiano Greg Hunt ha affermato di “aver sollevato la questione con la Commissione Europea attraverso molteplici canali. In particolare, abbiamo chiesto alla Commissione di farlo rivedere questa decisioneHunt minimizza in parte l’entità del blocco delle esportazioni, affermando di averlo fatto già ricevuto 300 mila fiale dell’azienda farmaceutica, ma allo stesso tempo chiede l’intervento di Bruxelles. Il capo del governo, Scott Morrison, infatti, sostiene che “è importante che i contratti siano rispettatiPur riconoscendo i motivi che hanno spinto la Roma sulla linea dura. “In Italia, le persone muoiono al ritmo di 300 persone al giorno. E quindi posso certamente capire alto livello di ansia che esiste in Italia e in molti paesi d’Europa ”, ha detto ai giornalisti a Sydney, come riportato Bloomberg. Tuttavia, l’Ansa scrive che fonti dell’UE hanno affermato che non vi era stata alcuna richiesta formale di rivedere la decisione di congelamento delle esportazioni.

READ  Vaccino Johnson & Johnson, via libera Aifa

Più dure, invece, le parole del ministro delle finanze australiano, Simon birmingham: “Questa è una dimostrazione di come l’Australia continua a fare in relazione a disperazione altri paesi “, ha detto a Sky News Australia. “Il mondo è attualmente in un territorio inesplorato. Non sorprende che alcuni paesi non rispettino le regole ”, ha aggiunto il ministro. L’Australia ha lanciato la campagna di vaccinazione del siero Pfizer-Biontech appena due settimane fa, mentre per Astrazeneca spera di aumentare il suo Produzione domestica. L’obiettivo è raggiungere 1 milione di dosi a settimana entro la fine di marzo. È anche per questo motivo che fonti del Ministero della Salute hanno indicato che le 250.000 dosi bloccate in Italia fanno parte di un “lotto di un paese” e “non sono state prese in considerazione nel nostro piano di distribuzione per nelle prossime settimane“.

UE: “L’azienda rispetta i propri impegni” – Il portavoce della Commissione europea, Eric Il mio mareha anche chiarito che “il messaggio dell’Ue è per le imprese. In qualità di presidente del Commissione, le aziende che hanno firmato contratti di pre-acquisto con il dirigente comunitario devono fare tutto il possibile per applicare “il impegni. “Se guardiamo l’elenco dei paesi in cui l’UE ha esportato”, sono stati ben accolti 174 autorizzazioni in 30 paesi in un mese – “è abbastanza imponente. L’UE è uno dei principali esportatori di vaccini. E non va dimenticato che 92 Stati non sono soggetti a controlli sulle esportazioni e che il fermo impegno a Covax“, ha spiegato Il mio mare, aggiungendo però che se “un’azienda farmaceutica non rispetta gli impegni presi, è un dato da valutare” seriamente.

READ  quale futuro post-pandemia? Le parole di Visco

Regole comunitarie – In ogni caso, la decisione dell’Italia apre la strada a possibili nuove sentenze da parte dei paesi dell’UE. E già lì Francia non esclude di volersi muovere allo stesso modo. Questa è infatti la prima applicazione delle nuove regole comunitarie introdotte per prevenire l’esportazione di vaccini anti-Covid al di fuori dell’Unione. Un meccanismo nato dopo che lo stesso AstraZeneca ha ammesso che gli sarebbe mancato obiettivi di consegna per il primo trimestre, destando nelle istituzioni il sospetto che parte dei vaccini prodotti nel Vecchio Continente fossero stati effettivamente dirottati all’estero. Il CEO dell’azienda farmaceutica, Pascal Soriot, ha sempre negato. In un’intervista con Repubblica del 26 gennaio, ha assicurato che nessun vaccino prodotto nell’UE sarebbe stato inviato ad altri paesi, ma il caso dell’Australia sembra dimostrare il contrario. Il timore, quindi, è che si possa ottenere un nuovo shock con Astrazeneca.

MEP tedesco SPD Bernd Lange, presidente della commissione per il commercio internazionale, teme piuttosto che ci sia uno “shock globale sui vaccini”. Il blocco della lotteria per l’Australia, ha scritto su Twitter, è un “errore” che potrebbe avere “conseguenze fatali” per l’Ue. Da parte sua il ministro degli Affari esteri Luigi Di Maio ha chiarito che “chiunque sia inadempiente non può chiedere scusa. Se sono stati firmati accordi, devono essere rispettati ”. Una decisione in linea con la linea dura espressa dal premier Draghi al presidente della Commissione Ursula Von der Leyen durante una telefonata tra i due avvenuta nelle ultime ore. Di Maio ha poi chiarito che “non è un atto ostile dall’Italia all’Australia, ma rientra nel regolamento approvato il 30 gennaio in Europa ”.

READ  Vaccini: la Svezia sospende i pagamenti a Pfizer. Von der Leyen: i produttori rispettano i patti - Mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *