Vaccino cattivo, la donna riceve la seconda dose di Pfizer al posto di AstraZeneca: arrivano i fucilieri

Vaccino cattivo, la donna riceve la seconda dose di Pfizer al posto di Astrazeneca: arrivano i fucilieri

Una miscela di vaccini per errore dei medici. La protagonista è una donna che, dopo aver ricevuto Astrazeneca come prima dose con cui è stata vaccinata Pfizer. Nel centro vaccinazioni Moscarella, a Castellammare di Stabia (Napoli), sono dovuti intervenire i carabinieri per riportare la calma, dopo che la città vaccinata aveva appreso dell’errore dei medici. Per ragioni ancora da definire, infatti, la donna è stata vaccinata con Pfizer. Quando i medici si sono resi conto dell’errore, la dose di vaccino era già stata inoculata alla donna che aveva molto di cui lamentarsi ed è scoppiata la bufera nel centro di vaccinazione Stabiese, tanto che i medici hanno faticato a tenere sotto controllo la situazione.

Astrazeneca-Pfizer, la miscela di vaccini funziona. Studio in natura: “Una risposta immunitaria più potente”

La donna ha allertato i carabinieri per denunciare l’accaduto. L’esercito ha identificato i medici. La donna è attualmente sotto stretta sorveglianza da parte della “Farmacovigilanza”. Il Direttore Sanità ASL Napoli 3 Sud, responsabile del Centro Vaccinazioni del Distretto Moscarella, dott. Gaetano D’Onofrio, ha assicurato che la donna stia bene per il momento.

La prima dose di vaccino protegge dal contagio? Tutte le differenze tra Pfizer e Astrazeneca

video

Vaccino mix Astrazeneca-Pfizer, Sileri: “Osserviamo gli esperimenti, ma rispettiamo i protocolli”

“Le poche evidenze di questi casi, legate ad altri scambi di vaccini in altre parti del mondo – spiega – non hanno provocato effetti negativi per la persona che ha ricevuto la seconda dose del vaccino, a parte la prima somministrazione. Da un punto di vista sierologico, la prima somministrazione crea immunità e quindi la seconda funge da richiamo ”.

READ  ecco le date del taglio

Massa, il 23enne che ha ricevuto 4 dosi di Pfizer, non sta bene. La madre: viene valutato il risarcimento

“È passato così poco tempo dalla somministrazione di questi vaccini che non è ancora possibile stabilire quando e fino a che punto funzionerà la prima dose, e poi il richiamo. Il direttore del distretto ha attivato la farmacovigilanza e la signora è monitorata telefonicamente ”. Per ora, ricorda il direttore sanitario dell’ASL Napoli 3 Sud, “letteralmente, nei 7 mesi che questi vaccini sono stati somministrati finora, in Inghilterra e in America, non sono stati riscontrati effetti negativi”. siero “.

Ultimo aggiornamento: 22:57


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *