La tregua è tra Israele e Hamas. Sconosciuto sul futuro

GERUSALEMME – Dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco tra Israele e Hamas, il frastuono della guerra è sostituito da una serie infinita di speculazioni sulla domanda “cosa succederà adesso?” Per il momento viene mantenuta la tregua “reciproca e incondizionata” negoziata dagli egiziani (che consente ad al-Sisi di riaccreditarsi sulla scena internazionale). Completata la fase uno con il silenzio delle armi, i mediatori egiziani hanno già iniziato a spostarsi tra Striscia e Israele per testare le acque sulla fase due, che riguarda criticità come l’avvio della ricostruzione a Gaza, l’ampliamento della zona di pesca, l’apertura di valichi, che hanno ripreso a funzionare ad intermittenza per il passaggio di aiuti umanitari e giornalisti.

La grande incognita resta la terza fase, quella che dovrebbe portare ad accordi più ampi sui progetti civili, la concessione di permessi di lavoro a Israele e l’ingresso di valigie di denaro per i funzionari pubblici, ruolo svolto dal governo. Qatar negli ultimi anni dopo la chiusura dei canali tra Ramallah e Gaza. I discorsi di febbraio sull’estensione del gasdotto israeliano dal giacimento del Leviatano a Gaza sembrano ormai lontani.

A Gaza, in mezzo alle macerie, la vittoria divina evocata da Ismail Hanyeh viene celebrata in un discorso pubblico a Doha (in cui ringrazia l’Iran, tra gli altri, per “il suo sostegno economico e per i suoi armamenti”). Anche in Cisgiordania e Gerusalemme Est ci sono manifestazioni con fuochi d’artificio e canti che lodano Mohammad Deif. Le bandiere di Hamas sventolano di nuovo non lontano dal Muqata a Ramallah e sull’Esplanade, dove si registrano tensioni nel pomeriggio quando, nella moschea di Al Aqsa, l’imam vicino a Fatah viene fermato da una folla dopo un sermone troppo dolce, poi Nouveau sono scoppiati scontri con la polizia israeliana che hanno portato a 20 arresti. Tuttavia, la tregua resiste anche a questo primo test, ma la domanda è cosa accadrà tra due settimane, quando la Corte Suprema israeliana dovrà nuovamente discutere la questione degli sfratti di quattro famiglie palestinesi di Sheikh Jarrah, di cui Hamas è. è diventato il portavoce. .

READ  A Bergamo nessun nuovo caso, la prima volta dall'inizio della pandemia

Il ritratto della vittoria dipinto da Netanyahu è molto dibattuto dai media: Hamas è stato duramente colpito, più di 100 km di “metro” sono stati distrutti, ma solo un terzo della rete di tunnel che collega la metro di Band. La deterrenza è stata ripristinata, ma nessuno sa se si tratta di un colpo come quello inflitto al Libano nel 2006, un fronte che ancora oggi deve riaprire, salvo sporadici incidenti. Netanyahu dice che non ci sarà più tolleranza per i lanci di razzi da Gaza che periodicamente colpiscono il sud del paese e ora “le cose stanno cambiando”, ma è sotto attacco per non aver sollevato la questione degli ostaggi a Gaza (2 corpi di soldati israeliani e 2 civili entrati per errore nella Striscia di Gaza e detenuti per anni). “È giunto il momento dell’azione politica: dalle macerie delle case dei leader di Hamas e dei tunnel, dobbiamo costruire una nuova realtà” è un passaggio del discorso di Gantz che sottolinea la necessità di mettere in discussione le dinamiche cicliche che governano l’infernale Triangolo Israele-Gaza-Cisgiordania della divisione Hamas-Fatah del 2007. Molto di ciò che potrebbe accadere dipende dall’azione che Biden vuole o non vuole intraprendere, poiché si ritrova catapultato nel pantano israeliano, palestinese prima del previsto.

Per ora, la Casa Bianca sta semplicemente dicendo che “la ricostruzione di Gaza è una priorità, non per Hamas ma per il popolo palestinese” e che non ha intenzione di cambiare gli aiuti per la sicurezza in Israele.

READ  "Questa è la prima volta che succede ..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *