Van der Burg infastidito per rifiutare i richiedenti asilo Italia

Van der Burg infastidito per rifiutare i richiedenti asilo Italia


Foto: ANP

I circa settecento richiedenti asilo che non possono essere rimandati in Italia rappresentano quasi la metà dei richiedenti asilo che dovrebbero seguire la procedura d’asilo fuori dai Paesi Bassi in base alla normativa europea (regolamento Dublino). Così scrive il segretario di Stato Eric van der Burg (Asylum Affairs) alla Camera dei Rappresentanti. Ritiene che l’Italia debba conformarsi al Regolamento Dublino. Inoltre, il governo si aspetta che la Commissione europea faccia rispettare le regole di Dublino, “come custode dei trattati europei”, scrive Van der Burg.

Lo scrive la Segreteria di Stato in risposta a una recente decisione della Sezione Contenzioso Amministrativo del Consiglio di Stato in due cause. In esso, il più alto tribunale amministrativo ha stabilito che i Paesi Bassi non erano più autorizzati a rimandare i richiedenti asilo in Italia. In base al regolamento di Dublino, dovrebbe essere così. Poiché le autorità italiane non offrono rifugio a questi cosiddetti “cercatori di Dublino”, il loro rimpatrio è una violazione dei diritti umani, ha stabilito il Consiglio di Stato.

La decisione del Consiglio ha conseguenze per centinaia di richiedenti asilo che sono venuti nei Paesi Bassi attraverso l’Italia per chiedere asilo qui, Van der Burg l’aveva previsto. “La conseguenza è che queste persone rimarranno più a lungo nella ricezione del COA”, scrive il Segretario di Stato. Si riferisce ai centri per richiedenti asilo dell’Agenzia centrale per l’accoglienza dei richiedenti asilo (COA). Sono sovraffollati.

Non è chiaro per quanto tempo l’Italia non ritirerà alcun candidato da Dublino. Van der Burg è preoccupato per la sospensione unilaterale della cooperazione di Dublino da parte dell’Italia, scrive. “Senza voler qualificare la particolare situazione migratoria dell’Italia, possiamo pretendere anche da questo Paese il rispetto degli obblighi internazionali nei confronti dei richiedenti asilo e degli accordi europei, assistiti se necessario dalle agenzie dell’Unione”.

READ  dal coprifuoco alle scuole ecco le regole

Alla fine dello scorso anno, le autorità italiane hanno annunciato che il trasferimento dei richiedenti asilo ai sensi del regolamento Dublino sarebbe stato temporaneamente sospeso a causa della mancanza di strutture di accoglienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *